PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solo

Solo
in questa Sicilia-millepiedi
solo
come l'albero di Falcone
sperduto in via Notarbartolo

Solo
emigrato in cerca di fortuna
emarginato come la luna
solo
tra Trapani e Messina
innamorato di una terra assassina.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/04/2012 15:17
    qualcuno scrisse che la sicilia è come una puttana... di certo troppe volte violentata...

10 commenti:

  • Anonimo il 16/05/2012 21:32
    È giusto ricordare le stragi delle Mafia (fa paura anche solo a scriverla...), specie se in una terra così magica come la Sicilia... Dico "magica" sebbene io in quella terra non ci abbia mai messo piede. Mi piacerebbe visitarla: ha storia, sofferenza e tanto cuore.
    "La Mano Nera" è sempre in agguato, come in molte altre associazioni, tutto questo avrà mai una fine? Se si è soli, probabilmente no, ma sono in tanti che gridano la tua rabbia. È di questo che non devi avere paura vincè...
  • Giselle il 11/05/2012 11:52
    Bellissima, complimenti... emarginato come la luna, innamorato di una terra assassina...è la Sicila nostro amore e dolore.
  • denny red. il 24/04/2012 05:41
    Ottima!! Ben Scritta! Bravissimo!

  • Anonimo il 23/04/2012 17:55
    Bellissima poesia Vicenzo e concordo con Salvatore... condivido il tuo sfogo e la tua rabbia, come donna e come siciliana.
  • Anonimo il 23/04/2012 12:04
    Più che assassina la tua terra è assassinata. Da qui la solitudine e il pianto *****
  • Teresa Tripodi il 23/04/2012 12:02
    davvero bella... drammatico ricordo che non deve essere dimenticato... non si deve rimanere soli dinnanzi a mostri ramificati ovunque... davvero apprezzata per quello che rappresenta il tema trattato che personalmente lo sento molto vicino... complimenti
  • Anonimo il 23/04/2012 11:33
    Sempre sintetico. Amo le tue poesie brevi. Sono espressive e se pur drammatiche come questa, sono scritte con una simile attenzione e amore che riescono a mostrare tutta la rabbia e la desolazione ma paradossalmente, si trova sempre un po' di bellezza e magia in mezzo ai rovi e al fango, nei tuoi scritti... La bellezza della tua persona sposata con le tua inopinabile padronaza lessicale. Ciao Vincenzo
  • karen tognini il 23/04/2012 11:22
    È tanto bella pero' la Sicilia!!!... solo in cerca di fortuna in questa terra assassina...

    gran bella poesia.. ricordando chi per la Sicilia onesta ha perso la vita...
  • Anonimo il 23/04/2012 10:59
    Scusa Vincenzo, ovviamente il commento è il mio, ma come al solito ho pasticciato perché abbiamo un solo pc.
  • Anonimo il 23/04/2012 10:56
    Dice un detto: "Meglio soli che male accompagnati". Il problema è che da soli, come dice un altro detto, "non si sta bene neanche in paradiso... figuriamoci poi in Sicilia!
    Condivido il tuo sfogo e la tua rabbia, come uomo e come siciliano.
    Bravissimo Vincenzo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0