PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Senza parole le parlai

Lo sentivo sorridere di me,
dall'alto delle sue fronde oscillanti
alla brezza mattutina.
Un sorriso indulgente,
che vibrava lungo la corteccia
e le radici imponenti propagavano
nel ventre della terra.

Con le mani appoggiate al tronco,
assorbivo le vibrazioni
che il vecchio albero
m'inviava per spronarmi ad agire,
ad inseguirla, a fermarla.
Aveva capito, l'immobile creatura,
che mentre lei inesorabilmente
s'allontanava,
portava via con sé la mia esile quota
di felicità terrena, custodita
nella dolcezza dei suoi seni
e nella grazia del suo cuore generoso.

Il fusto irto di scaglie
vibrò più forte ed infine
m'indusse a voltarmi:
il corpo sinuoso di lei
diventava a mano a mano più piccolo,
e vedevo appena i lunghi capelli neri
ondeggiare ad ogni passo che la separava
da me.

È troppo tardi,
mormorai al mio austero amico,
che ben mi conosceva, poiché fin da bambino
io gli parlavo e lui mi rispondeva
con la sua vibrante energia.

Ancora più forte tremò il tronco rugoso.

Ed io partii.
Corsi, movendo le braccia come
gli stantuffi delle vecchie locomotive a vapore,
ansimando come i loro fumaioli anneriti,
vorticando le gambe come le loro ruote instancabili.

La raggiunsi.
Mi fermai davanti a lei, senza più respiro.
Immobile, come l'albero lo era stato prima davanti a me,
senza parole le parlai,
con il respiro affannato, con gli occhi ardenti,
il corpo tremante.
Lei pose le mani sui miei fianchi,
come io prima attorno al tronco del mio amico,
e accolse in sé i miei sentimenti aggrovigliati.
Poi, mi baciò.

Tornammo indietro, e quando passammo
accanto al grande albero,
lo ringraziai con il pensiero.
Le fronde mormorarono
un sorriso più largo.

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/07/2012 16:45
    Un deliziosissimo dialogo interiore che l'autore racconta in questa romantica ed introspettiva poesia, colma di sentimenti prodondi che evidenziano la sua innegabile sensibilità e delicatezza d'animo. Spesso, si parla senza proferire parola perchè già il cuore, da solo, comunica. Un testo che ho apprezzato e gradito, specie nel contenuto. Grazie per aver letto il mio aforisma di oggi. Trascorri una lieta serata.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0