accedi   |   crea nuovo account

Amor vicino eppur lontano

Sienti sienti
chistu coru,
vatte vatte
forte forte,
pecché te vo bene
e nun te
o sa di';
e quannu nun
capisci,
me pare
nu capricciu!
Ma nun viri
comme fai suffrì
stu coru scemu,
pecché issu te ama
e te l'ignori.

 

l'autore Don Pompeo Mongiello ha riportato queste note sull'opera

Vorrebbe essere un testo musicale, in cerca di compositore. Chiaramente con i dovuti adattamenti.


1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 23/04/2012 17:31
    gradevolissima complimenti
  • Anonimo il 23/04/2012 15:23
    Bella poesia resa ancora più bella dal dialetto. Bella anche la chiusa. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0