PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un'estate passata cosi

Eravamo soli io e te a giocare
in mezzo ai vigneti
sotto un sole che muore
nei pressi di un sobborgo.

Sentivo le tue ingenue risa
ma non riuscivo a vederti.
Sentivo il tuo respiro
sul mio collo infante
ma non riuscivo ad afferrarti.

Un'estate passata cosi
poi venne l'inverno...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuseppe scaffidi il 26/04/2012 00:54
    Un'estate passata a ''sudare'' emozioni... bella...
  • Ivano Boceda il 24/04/2012 12:39
    Mi piace questo ricordo così preciso nell'indicare i particolari dei suoi contorni fisici, ma comunque segnato da una assenza. Un solo piccolo particolare mi stona un po': "di un" sobborgo, con quell'articolo indeterminativo che contraddice la precisione fisica...

14 commenti:

  • mariateresa morry il 20/05/2012 19:16
    Dolcezza di un ricordo sogno. Un amore forse al suo sboccio, ma si sente ancora, in questi versi, la carne chiara e fanciulla, quel cercarsi di prima adolescenza che è tutto e niente all'unisono. Bella Stefano, sei davvero tu, in queste righe un poco sognanti.
  • Carlo Diana il 14/05/2012 12:00
    dolcemente semplice, come le cose vere
  • viola il 13/05/2012 23:06
    Anche io conservo un'estate dentro di me.. Volata via ma indimenticabile. Complimenti
  • Anonimo il 13/05/2012 22:21
    ... una estate viva nella memoria, molto bella
  • Andrea il 09/05/2012 16:16
    Ma dopo l'inverno viene la primavera foriera di Vita e di rinnovata speranza
  • Francesca La Torre il 09/05/2012 07:34
    Mi piace molto come scrivi. Complimenti.
  • Anonimo il 01/05/2012 17:52
    emozionante quest'estate ste... sempre molto vero bravo...
  • Raffaele Arena il 25/04/2012 23:58
    Complimenti Stefano, efficace e semplice, ricorda addirittura la qualitàpoetica di Cesare Pavese, quando descrive la campagna. Ottima stesura e sentita. Bravo!
  • Anonimo il 25/04/2012 00:38
    Piaciuta molto! Quello che mi colpisce delle tue poesie - anche di questa, per quanto più intimista e lieve delle altre - è che parlano di sensazioni viscerali, che vengono da dentro con una forza notevole Bella bella!
  • Anonimo il 24/04/2012 14:53
    un ricordo, le sue sensazioni, un'assenza, piaciuta Stefano
  • stella luce il 24/04/2012 14:14
    bellissimo ricordo di un'estate passata tra ricerche ed allegria... bella
  • STEFANO ROSSI il 24/04/2012 12:56
    hai ragione mi sa... ci penso un attimo...
  • STEFANO ROSSI il 24/04/2012 12:10
    grazie Karen
  • karen tognini il 24/04/2012 12:08
    Emozioni in versi... ma che bella Stefano!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0