accedi   |   crea nuovo account

Essenza o vanagloria

Ho incontrato Dio
ma non qui in terra
Lui non è portavoce dell'inumanità
della saccenza, vuota d'umiltà
il suo esercito di morte non rinferra
e di sue vittorie non fa tripudio.
In questo mondo
chi dice di rappresentarlo
di amore e di solidarietà è nauseabondo
a propria immagine vuol raffigurarlo.
Innumerevoli credenti
fanatici, convinti, obbedienti
a dogmi, a dottrine, a farneticamenti
di chi fan la volontà come fedeli o miseri clienti?

Vi è poi chi sa legger il futuro

suo e altrui, ma ne è sicuro?

Della sua ricchezza culturale

nutre l'insaziabile "fama" intellettuale.

Di questi tipi ido-latranti

pieni di fisime discordanti

ve ne sono di ammirabili, affascinanti

con la loro maliardia conquistanti

ma la viscerale avvilente indecisione

li fa viver in desiderata contraddizione

giustificante la loro volubilità

ubriacata da fuggente voluttà.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Inchiappa Vito I Song il 30/04/2012 11:08
    Grazie Anna.
    Debolezza e forza esistono in ciascuno noi. Il loro peso può bilanciarsi, volendolo. L'alterigia, l'arroganza fanno prevalere uno dei due elementi che, però, assai spesso si confondono.
    La semplicità renderebbe tutto più "accordabile", comprensibile.
    Un buon inizio settimana Anna, un abbraccio affettuoso
  • Inchiappa Vito I Song il 30/04/2012 11:00
    Grazie Carla.
    Ogni individuo ha una propria concezione delle cose; può dirsi il bello della diversità di idee, utili per maturare, ma anche il brutto di scontri inconcialibili, mancanti del misurato rispetto per l'altro.
    L'amore ha i suoi gradi, se si ha vivo dentro lo si sente.
    Un buon inizia settimana Carla, ricambio con affetto il tuo gradito abbraccio
  • Anonimo il 25/04/2012 20:20
    Imperativa è l'esigenza di condividere con te il tuo pensiero. Semplicemente! tra essere vivente e essere vivente, tra fragilità e fragilità, tra un mestero e l'altro
  • Anonimo il 25/04/2012 13:11
    Dio è dentro di noi... le sue armi sono l'amore l'umiltà la misericordia infinita... purtroppo a volte si incontrano saccenti che sono sicuri di fare la sua volontà ... ma sono uomini, solo uomini privi della vera fede e della carità...
    molto bella vito questa tua l'ho letta volentiieri e questo è solo un mio pensiero.. ti abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0