PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La salma

Ricordi nella marea di pensieri,
indulgente sfrontatezza di un giudizio annacquato dal vizio,
di lei ho il viso, i bei capelli e tanta voglia di vivere lontano da ciò che ero,
grottesca, impartita, lesiva incomprensione,
giù nell'animo permane, riemerge:
come una salma che ritorna alla spiaggia nelle notti di plenilunio,
alberga irrequieta rendendo il paesaggio più cupo,
affinchè non toglie il disturbo trascinata via dalle correnti.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Peter alias probity il 26/04/2012 12:53
    Grazie! È risultato come una sorta di corredo "spettacolare" ad un lungo, decennale, amore platonico.
  • Anonimo il 25/04/2012 20:06
    -e tanta voglia di vivere lontano da ciò che ero-. Ancora annichilito dal suo abbandono non riesci a muovere un passo verso la vita! Gli amori quando traditi, incompresi, incompatibili vanno lasciati per sempre. Al massimo puoi trattenere i loro sorrisi e con quelli, come bastone, appoggiarti per intraprendere una nuovissima vita!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0