PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vincente

Una corsa ad ostacoli la strada incrociata, in continuo movimento, ininterrotto il mio affanno.
Pozzanghere e buchi profondi da dover schivare senza cadere il mio ultimo percorso;
lacci di scarpe, suole consumate, bruciato il viso di speranza la mia ultima "missione"...
Dovrò allenarmi, correre, piangere, urlare e saltare ogni singolo ostacolo.
Troppo vicini però tra loro i vari livelli da affrontare, da battere;
mi sento perso ma subito mi ritrovo, stanco, in una stanza, unica compagna la musica...
Quello che sto provando è più doloroso di una sbucciatura al ginocchio.
Quello che sto subendo è più forte della delusione per un sogno svanito;
quello che sto provando è più di quanto potrei mai scrivere in poesia...
Ma la gente non sa un segreto che tengo per me, e che oggi voglio rivelarvi.
Posso piangere, urlare, sembrar vinto dall'emozione, ma non sono uno che si arrende;
ho solo bisogno di cerotti, di una garza per il cuore, di silenzio da sovrastare...
Alla fine di questa corsa slaccerò il nastro dell'arrivo e potrò fermarmi per rifiatare.
Forse al termine della gara potrò sia piangere che sorridere, sarà il tragitto a scaturire le mie emozioni;
per ora corro, senza fermarmi, anche se a volte rallento perchè sono stanco...
Ma qualsiasi cosa succeda una promessa me la sono fatta,
al termine e alla fine di questa "avventura" sarò io il vincente, qualsiasi cosa accada.

 

4
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 25/04/2012 15:22
    Visto che ancora nessuno è venuto a trovarla in questa sua buona riflessione, caro Gianni, provo a dire qualcosa brevemente io: il fascino degli ostaooli nella vita esiste, è indubbio che essi ci sfidino a trovare la parte migliore di noi stessiper superarli e, in questo senso, vanno persino ringraziati per esistere. Pensi a quale noia mortale sarebbe una vita priva di sfide da affrontare; e gli ostacoli devono, a mio modesto avviso, essere visti proprio come sfide da affrontare. Cordialità e complimenti.

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 25/04/2012 19:30
    Bravo Gianni... Vincente... e per ritrovar forza... rifugiarsi... in una stanza... unica... ed aver per compagna... la musica...

    è il tragitto... a scaturir... le mie emozioni... il vissuto...
  • Anonimo il 25/04/2012 19:18
    Continua così caro ragazzo... avrai la "patente " della vita.
  • Anonimo il 25/04/2012 18:46
    Un bellissimo proposito il tuo! "Vincente" E credo che riuscirai nel tuo intento. La grinta si sente, la voglia di affrontare, pur con il rischio di farsi male, un percorso irto di astacoli è già aver vinto! Da quello che ricordo dalle tue precedenti poesie il dolore, il sacrificio, la sofferenza ti hanno già messo a dura prova e leggere ora questa tua mi fa fortemente sperare nella tua riuscita.
    Continua così, la vita va presa di petto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0