accedi   |   crea nuovo account

Genesi del cuore

Per ogni mia promessa,
e ogni parola non espressa
ti regalerò una rosa e un sorriso.

Ricordi quando agli albori del mondo,
piangevamo come bambini la nostra solitudine?
Come un vecchio errabondo,
abbiamo incontrato del cuore l'inquietudine.
Ed è nato così il nostro primo sogno.

Per ogni tua lacrima sul viso,
ti porterò in un luogo lontano
e stringerò senza pretese la tua mano.

C'è stato un tempo in cui eravamo come animali,
creature semplici, imperfette e banali.
Poi è arrivato quel dono maledetto e benedetto,
che ha reso il nostro cuore malato.
E abbiamo vagato perduti in quel luogo celato.

Per ogni tuo pensiero non detto,
ascolterò il silenzio delle tue parole.
E squarcerò le nuvole per far risplendere il sole.

Eravamo uno e siamo diventati due,
perchè soffrivamo di una solitudine immensa.
E anche se ora proviamo una passione intensa,
non siamo più in grado di pregare per la felicità.
Ci chiediamo ogni giorno cosa mai sarà.

Per ogni tuo sospiro gettato nel vento,
raccoglierò odori di primavera
e impedirò alla tristezza di prendere il sopravvento.

 

5
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rossana Russo il 27/04/2012 01:00
    Bellissima! Mi stupisci sempre di più..
  • cristiano comelli il 25/04/2012 15:15
    Piacevole e, soprattutto, veritiera. Per ogni frammento di essere dell'altro siamo invitati a crearci sempre di più in noi satessi per essere a noi stessi scoperta progressiva e ad altri sempiterno dono. Mi pare proprio che si debba condividere al massimo grado. Cordialità.
  • Rocco Michele LETTINI il 25/04/2012 15:13
    È la diagnosi... d'un psicanalista...
    E la terapia... d'un animo retto...
    Il mio plauso e... il mio laurooo!!!
    CIAO SALVATORE

2 commenti:

  • Anonimo il 25/04/2012 19:24
    Molto bello quel "Ci chiediamo ogni giorno cosa mai sarà."
    E molto bello quel tuo raccogliere odori di primavera per impedire "alla tristezza di prendere il sopravvento." Se non è amore questo!!!!!
  • Gianni Spadavecchia il 25/04/2012 14:49
    Bei versi, intensi e per niente banali. Hai stupito con questo tuo esperimento riuscito alla grande direi! Due cuori che si uniscono per condividere la solitudine. Dolcissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0