PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pensa come ero

Quando l'ultimo inetto pensiero
naufragò
nel mare dell'inappetenza

una rosa canina abbaiando
l'innestò
in una ancella di devozione

lo rianimò
con spontaneità
in ogni sua parola

con un magistrale bocca a bocca

lo celebrò
con queste parole

Prima
di evadere da un vaso cerebrale
ero come te

poi
alzando
le mie stanche membra
nel sole dell'intuizione

vidi
dietro
l'orizzonte

in un flusso d'ispirazione

l'isola della dea bianca

dove ogni pensiero elargisce doni di coscienza tramutandosi in fonte d'emozione

 

5
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 25/04/2012 22:54
    Grande Vince, sei un cantore di cose sublimi, lo dico sempre
  • Anonimo il 25/04/2012 20:30
    complimenti Vincè non c'è poesia che possa passare inosservata... sei un grande... bacioni e complimenti
  • Anonimo il 25/04/2012 20:27
    Mi pice molto la chiusa ***** Franco
  • loretta margherita citarei il 25/04/2012 20:21
    molto originale mi complimenti cap
  • Anonimo il 25/04/2012 20:20
    Meravigliosa Vincenzo... versi ricchi di profondità...
  • karen tognini il 25/04/2012 19:38
    Fonte di emozioni le tue poesie... molto bella Vincenzo... divina...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0