accedi   |   crea nuovo account

L'Amante

Nù buongiorn,
nù surris,
nà guardata maliziosa
e me songh'arravugliat,
senza vulè,
dint'a nà storia
ca è chiù fort'e Mè.

Sò carut
comm'e nù frutt'ammatur,
ma ch'è stat,
nà fattura?

Chianu chianu,
doce doce,
comm'e nù veleno
s'ì trasut dint'e vene.

Nun'nè pozz'fà chiù a meno
e stì vas prufumat,
stì carezze chien'e fuoco
dint'e notte appassiunate.

Chist'ammore prepotente
me sconvolge malamente;
m'arrevota sensi e mente.

Pur'a Luna
s'e stupisc,
chiur ll'uocchie,
arrussisc,
quann'a notte t'avvicini
e cù e mano circ'ammore;
pò,
cù nù fellillo e voce
me sussurr:
viene ccà,
famme felice.

Sì,
dammell'stù veleno,
stù veleno amaro e doce
ca stà vita a mise n'croce.
Nun parlà, carnalità,
nun parlà, fatte sentì;
n'ziem'a Tè voglio murì.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/04/2012 08:39
    Poesia eccezionale resa ancora più bella da un dialetto che oserei dire per eccellenza.

3 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 22/05/2012 18:41
    "Nun parlà, carnalità,
    nun parlà, fatte sentì;
    n'ziem'a Tè voglio murì."
    Siamo indifesi nei riguardi dell'amore!
    "Chianu chianu,
    doce doce,
    comm'e nù veleno
    s'ì trasut dint'e vene."
  • Anonimo il 08/05/2012 19:33
    Proprio vero che il "napoletano" è già di per sé poesia. Certi termini hanno musicalità e non si può trovare il corrispettivo in italiano... carnalità, arravugliat ad esempio, perderebbero la loro forza. Insomma è bella bella da applauso!
  • Anonimo il 27/04/2012 14:50
    Tutti dovrebbero avere un'amante, uomini e donne. Se poi l'amante è la moglie o il marito meglio ancora. Parlo di amante e non di mantenuta/o. Bellissima questa tua dedica caro Ezio. Sei fortunato. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0