PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Semplicemente Incapace

Porto sulle labbra un semplice sorriso,
figlio di un espressione sul viso
che non mi appartiene.

Come un povero mentecatto,
mi privo di ogni pianto
e mi limito a respirare.
Nella notte, non respiro più.

Ho bisogno di fumare,
ho bisogno di urlare con forza
questo mio dolore.

Io non piango, non posso farlo.
Mi limito semplicemente a soffocare,
come un bambino che annega
e non sa più nuotare.

Mi dispiace, cosa posso dire?
Chiedo perdono,
sono piuttosto incapace.

Le ironiche parole di questa canzone,
mi accompagnano in silenzio.
E mi ci ritrovo e da loro sfuggo,
sono solo un pazzo.

Ho bisogno di respirare,
la mia aria non c'è più.
Cosa posso fare?

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 28/04/2012 09:55
    davvero una lettura attanagliante! Bravo...
  • Rocco Michele LETTINI il 27/04/2012 19:36
    TUTTO IL TUO DOLORE FIRMATO NELL'INTERROGATIVO DI CHIUSA...
    PROFONDO IL TUO POETARE... LASCI SEMPRE IN ME UNA STILLA DA ASCIUGARE...
    CIAO SALVATORE
  • Rossana Russo il 27/04/2012 18:29
    Struggente e stupenda piaciutissima! Spero torni presto a sorridere un abbraccio

1 commenti:

  • mauri huis il 27/04/2012 19:25
    Scrivi dei tuoi guai e delle tue speranze, dei tuoi sogni. Non sei incapace, sei solo bloccato. Ps: cambia la foto. Mettine una dove sorridi. Così comincierai a sorridere a te stesso. Forza e coraggio, dai!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0