PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Incontro con Beatrice

Stanotte ho visto in sogno la Beatrice
quella di Dante, donna "angelicata",
d'incontrarla son stato assai felice

e con grande stupore l'ho guardata.
Era dolce nel viso, ma un di dietro
ci aveva di tal lode meritato

di misura perfetta per il metro,
tal sedere sembrava una mandòla
ed io mi soffermai solo sul... retro!

"Ma di donne che hai visto tu me sola?"
lei mi chiese, arrossendo, in bella bocca,
e la mia fantasia vieppiù s'invola

e dico: "La mia mano te lo tocca!"
E lei: "Questo tuo gesto potrai fare
se non c'è Dante mio, mica son son sciocca!".

Io lo stesso decido di tentare
ed allungo la mano al suo sedere,
ma non vi dico che dovei provare...

Non fu una cosa bella da vedere
e questo sogno certo non m'allieta
poiché tal onta mi toccò di avere.

Fra noi s'era interposto il Gran Poeta,
ragion per cui mi ritrovai, par strano,
la cosa che non era la mia mèta:

il gran culo di Dante proprio in mano!"

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • mauri huis il 18/06/2012 19:45
    Più che dantesca sta cosa mi par boccaccesca. E pur apprezzabile è l'abilità che dimostra anche se il tema non è poi gran cosa. Giostra su temi un po' più elevati o cobra palpatore, se non vuoi far figura di quello della Rettore!
  • Anonimo il 30/04/2012 15:34
    Fosse stato il culo striminzito del Virgilio... Ma quello di Dante no, eh!
  • marinella addis il 30/04/2012 10:55
    mangia più leggero alla sera...! niente male!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0