accedi   |   crea nuovo account

Che sera è la sera

Che sera che è
quella sera
ancor nel cuor

la sento divina
per l'incontro
pacifico

di musica,
persone,
personalità

non famose
ma noi semplici
in un luogo storico

per condividere
ascoltare, ascoltarsi
e far come lezioni

ma in punta di piedi
non come professori.
E in sottofondo

o come input profondo
il suono della chitarra
di Alberto, e i versi di Stefano

la personalita di Lady Morry,
e Vito e Marco, e scusa se
sento il cuor acceso

e non ricordo il tuo nome
ma il tuo gioire leggendo
e condividendo esperienze.

Grazie davvero
non mi par vero
chiudo gli occhi

e rivivo come fosse ora
anche solo per ritrovar
linfa intellettuale, e spirito!

 

4
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 01/05/2012 22:58
    Grazie a te e a Stefano della bella serata, davvero, ci siamo divertiti molto Un abbraccione da Vito e Marco!
  • Anonimo il 01/05/2012 21:12
    Bellissima Raf! Emozionante e vera...
  • mariateresa morry il 01/05/2012 20:51
    È stato davver un bell'incontro in quella stradina della vecchia Firenze, ognino con la prpria personalità e il proprio stile, a parlare e farsi domande, a recitare i nostri dilemmi, le nostre immagini del mondo. Piccoli poeti sì, ma di cuore! Ciao Raff
  • Anonimo il 01/05/2012 12:15
    quanta voglia di vivere in questa poesia... la trovo splendida...
  • roberto caterina il 01/05/2012 12:09
    Che bella la tua poesia... Mi fa piacere poi che l'incontro abbia suscitato tante emozioni... Bravo!
  • karen tognini il 01/05/2012 11:35
    Bellissima Raffaele... si legge tutta l'emozione di un incontro poetico meraviglioso...
  • Anonimo il 01/05/2012 11:35
    Ma che bella! ma che bella! ***** Complimenti a te e a tutti gli invitati. Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0