username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La pensione

a seguir d'intenso, arduo cammino
cinto da feroci e cruenti morsi

giunsi improvviso nell'acquitrino
di fatal méta dai mille percorsi

a guisa di tristo, oscur confino
cui giammai l'uman potè opporsi.

Cotesta fin d'impervio sentiero
igual sarà per lo mondo intiero?

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/06/2012 14:29
    Ricorda il Sommo Poeta.

2 commenti:

  • mauri huis il 03/05/2012 21:01
    Qualche sillaba in più, poche, due o tre forse, e veniva fuori una perfetta ottava toscana in endecasillabi classici. Ma anche in distici suona ugualmente bene. La classe c'è e si vede. Bravo Sergio, anche per l'ironia.
  • Anonimo il 02/05/2012 11:59
    Per adesso, rispetto agli altri, di uguale non ci sono neanche le indennità dei deputati, che sono ben più alte... figuriamoci poi le pensioni, che sono più basse!