accedi   |   crea nuovo account

Scrutando Amsterdam

Schiavo per nulla gemente,
di un armonico,
lento, estasiante intersecarsi,
di canali che sorridono
alle occhiate furbe e magniloquenti
di un sole che frusta la terra,
il velo ti scopro
come matrona austera
di terra rapita sapientemente,
all'urlare inondante dell'acqua;
ti scorgo, Amsterdam,
come festa germogliata tra i poulders,
mentre un fascio di nuvole,
si inchina per baciarti,
e poi adempie la sua missione
del sempiterno dileguarsi,
per non umiliare il tuo sorriso;
mi aggiro traballante,
tra i passi un filo tenue,
di caldo disorientamento,
tra il bagliore e gli odori,
dei tuoi multiformi coffee shop,
scintilla piazza Dam,
come una bimba che scopre
il fascino della propria identità,
mentre altre le danzano intorno,
accecano le rosse vetrine,
che lungo acque indifferenti ma dolci,
ricamano sulla pelle di turisti o indigeni,
l'illusione di un amore,
fisicità disimpegnata e selvaggia,
incontro tra nomi che non si conoscono nomi,
morire di donna,
tra luci di follia.
Ma i passi mi chiedono di non fermarmi,
eccoti,
da qualche parte del cuore
un pranzo di baci avevo preparato,
per il tuo incontaminato profumo,
sublime, immortale mercato dei fiori;
non vi coglierò
che con uno sguardo indegno di ritrarvi.
e impaziente di ospitarvi,
nella stanza sempre assetata della sua memoria,
inviolabili estensioni di tulipani,
che hanno uno stelo orgoglioso per mano,
e mi conducono in inesplorato viaggio,
tra i sentieri che sanno di carezze,
delle tele di Van Gogh.
Nel mio pensiero entrasti lenta,
come le biciclette che accarezzano,
le tue strade avvinte nella quiete,
lasciami di te anche un sol sospiro,
dolce Amsterdam,
e saprai dimorare eterna,
storia millenaria,
nella mia piccola storia.

 

4
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/05/2012 18:49
    Personalmente non ho mai visto Amsterdam. Ma non posso affermare che non ci andrò mai perché il mai non esiste, in assoluto, su questa terra.
    Intanto, ho molto apprezzato la tua descrizione coinvolgente attraverso cui si coglie tutta la tua emozione per la percezione di questa bellezza unica.
    A me, come tu stesso hai detto, riporta alle opere di Van Gogh, che ho sempre apprezzato e che rimarrà sempre unico.
    Complimenti Cristiano e buona serata!

9 commenti:

  • Anonimo il 10/05/2012 17:17
    Amare Amsterdam è amare la multietnicità che lì si manifesta ad ogni respiro.
    Hai saputo cogliere bene l'essenza di questa città, almeno in alcuni aspetti peculiari.
    Accanto a Van Gogh avrei visto bene anche Rembrandt, così massicciamente presente in diversi angoli di questa città.
    Al prossimo viaggio in Amsterdam, con il gusto delle aringhe affumicate e crude in bocca
  • cristiano comelli il 05/05/2012 12:08
    Vi dirò, ringraziandovi nuovamente per i vostri piacevoli contributi, che medito di ritornarci perchè i canali di Amsterdam hanno sempre storie nuove da raccontare; è come se avessi lasciato il libro dello scrutare Amsterdam non dico a metà, ma comunque anzitempo privandomi di una lettura completa. In genere non gradisco ritornare due volte nello stesso posto ma ci sono luoghi che ti prendono per mano e ti chiedono di rivederli; questa voce me l'hanno sussurrata, oltre ad Amsterdam, Parigi, Praga e Vienna. Incanti di terra che chiedono sempre di essere esplorati a fondo perchè, come dicevo prima, hann sempre qualcosa da raccontare. Grazie ancora e buona giornata a tutti.
  • Anonimo il 05/05/2012 00:43
    Una volta si cantava: "Amsterdam! Amsterdam! Ce ne andiamo tutti insieme ad Amsterdam!", di certo per ovvi motivi...
    Caro cristiano, nenache io ho mai visto Amsterdam, solo in fotografia e nei quadri di Van Gogh. Dev'essere veramente una terra magica, fresca e sorprendente. Un giorno la vedrò, se non ora, un altro giorno (domani! )
    Grazie per queto itinerario di schizzi memoriali.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/05/2012 07:39
    La Venezia del Nord... una terra strappata al mare...

    Bellissima Cristiano... il mercato dei fiori... dei formaggi... i mulini a vento... donne che fumavano il sigaro... oche che mi inseguivano... migliaia di coccinelle nei campi (il miglior antiparassitario)... sono i ricordi di una Olanda... visitata da bambino...
  • cristiano comelli il 02/05/2012 21:25
    Grazie a tutti, mi permetto di dire, anche a nome della splendida Amsterdam.
  • Anonimo il 02/05/2012 20:35
    Grazie per questa passeggiata in Amsterdam. Ho visto cose con i tuoi occhi che non avevo mai visto. ***** Franco
  • loretta margherita citarei il 02/05/2012 20:23
    coinvolgente descrizione complimenti
  • Anonimo il 02/05/2012 19:43
    Bellissima descrizione di una città meravigliosa che la porto sempre nel cuore. Ci sono stata quattro volte col camion.

    Complimenti Cristiano!
  • cristiano comelli il 02/05/2012 18:37
    Città magica, Amsterdam. Chi ci è stato, spero me lo potrà confermare. A chi non ci sia ancora stato, la consiglio per la sua particolarità e multiformità. Città delle contraddizioni che però convivono perfettamente. Inimitabile, a suo modo, come lo è da noi Venezia. Viaggiate tra i canali e davvero sentirete la poesia venirvi a trovare in un istante, per farsi dimora stabile in voi. La si potrà trovare agevolmente anche nei tratti così delicati e così piacevolmente inafferrabili di van Gogh e dei varii pittori di quella terra. Amsterdam è una magia. Può sembrare uno spot pubblicitario ma vi garantisco che è quanto sento dentro dopo averla vista alcune estati fa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0