PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Doni incomprabili

Quale mano misteriosa mi ha preso per i capelli,
strappandomi con violenza ad un viscido pantano limaccioso,
nel quale avevo relegato la mia vita?

Quale forza sovrannaturale è riuscita a dare consistenza
ad un fumoso marasma di pensieri che mi costringeva a vagare
inebetito nei tortuosi labirinti della follia?

Prendimi!

A Te dono la mia fragile vita,
la mia misera anima.

A Te regalo ogni pensiero della mia mente,
ogni palpito del mio cuore,
ogni sorriso che saprà accendere una luce nei miei occhi innamorati.

Solo per Te scriverò parole mai dette,
lodi dolcissime che mai altre anime hanno udito.

A Te dono le mie insicurezze,
le mie miserie,
le mie paure.

A Te regalo la parte più nascosta di me,
quella più vera,
dove risiede l'essenza stessa della mia anima ribelle,
dove arde la perenne fiamma che alimenta la parte più nobile della mia vita,
quella che sa amare senza confini,
quella che ti ama senza confini!

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Walter Tresoldi il 12/05/2015 13:37
    Qualcuno può interpretarla come poesia d'amore.
    Secondo me è, invece, poesia d'Amore; cioè più preghiera che inchino e abbandono all'innamoramento. Sbaglierò o le cose tendono a coincidere?

2 commenti:

  • vito ferro il 04/09/2006 21:43
    sbaglio o ti piace baudelaire?
  • Federica Nightingale il 24/06/2006 17:58
    Credo tu abbia reso un fedele ritratto del vero amore. Ciao, Nightingale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0