username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sotto un portico di roma

Disteso sotto un portico di Roma
un vagabondo.
Fermo, immobile,
sdraiato di fianco ad un portone.
Dorme.
O forse no.
Semplicemente fermo,
inerte,
disarmato dalla sua vita,
dalla nostra vita.
Disteso sotto un portico di Roma
un vagabondo.
Non chiede elemosina,
sa di non riceverne.
Non piange,
sa che per lui non c'è compassione.
Non saluta,
sa di non esser ricambiato.
Disteso sotto un portico di Roma
un vagabondo.
Semplicemente chiude gli occhi,
per non vedere il suo mondo,
il nostro mondo.
Per immaginarsi in piedi,
per una volta.
Per immaginarsi vestito,
qualche volta.
Per immaginarsi sazio,
magari.
Semplicemente chiude gli occhi
e prova ad immaginare cosa sia la felicità.
Disteso sotto un portico di Roma
un giorno un vagabondo.
Zuppo in un giorno di pioggia.
Umido, arrotolato,
come vischio,
che senza una parola,
senza un sussurro,
aspetta di essere estirpato.
Disteso sotto un portico di Roma
un giorno non più il vagabondo.
Scomparso.
Svanito nel sole di marzo.
Senza un "perché".
Senza un "quando".
Semplicemente come polvere
portata via dal vento.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 06/05/2012 18:37
    Antonello... si sa che i titoli non si possono correggere e capita di avere delle sviste... in compenso i tuoi versi sono molto ma molto graditi!
  • Antonello Pio Bonetti il 05/05/2012 17:03
    scusaemi per l'erroraccio di battitura nel titolo (Roma e non roma)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0