accedi   |   crea nuovo account

Schizzo preliminare

il guizzo della matita
carezzava le linee del viso
della donna dal collo allungato

c'èra mistero nel fascino del corpo
musico oblungo e disteso
nudo come il vuoto
buio profondo ch'ella offriva
dagli occhi senz'anima
in un volto di mandorla

lo sguardo le sfiorava lieve
i seni e i fianchi
scivolandole sul collo
- col pollice a mezz'aria -
aumentando col cuore
la distanza e la grazia
sulla tela bianca

mentre quella matita
- dilaniata dal male -
plasmava d'immortalità
una venere cieca

 

l'autore senzamaninbicicletta ha riportato queste note sull'opera

le dediche sono due: una è per il mio artista preferito (ma non il solo) Amedeo Modigliani, Modì, morto di tubercolosi all'età di 36 anni.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Teresa Tripodi il 07/05/2012 09:28
    "Se avrò fortuna un giorno dipingero i tuoi occhi", forse quella matita aveva solo paura di disegnarne l'anima per non innamorasi di essa... non lo so, o forse mi piace immaginare che sia così, o forse ancora non ha avuto il tempo visto la morte precoce, cmq è una dedica davvero bella e molto molto speciale, sia per la forma che ricerca il giusto non voler fraintendere un artista di gran fama, sia per il sentimento espresso tra le righe... bravissimo Manì
  • roberto caterina il 06/05/2012 11:31
    Mi piace moltissimo fino a tela bianca... è davvero un ritratto misterioso in cui Modì c'è e non c'è.. La chiusa, a mio avviso, leva un po' quel mistero, la rima male-immortale l'appesantisce un po', ma questo è quello che penso io.. scusami se lo dico, ma fino a tela bianca è davero stupenda.. Complimenti..

10 commenti:

  • mauri huis il 06/05/2012 18:58
    Molto bella fino all'ultima strofa, poi qualcosa s'inceppa, forse l'imperfetto quando tutto il resto è al presente? Ho visto, guardando i commenti, che hai cambiato qualcosa, mi spiace non aver visto la prima versione. Comunque come al solito hai centrato bene l'essenza e l'hai resa con pochi tratti ben scelti. Complimenti, Sergio!
  • loretta margherita citarei il 06/05/2012 18:45
    molto apprezzata, doverosa dedica, amo molto questo pittore
  • Anonimo il 06/05/2012 14:25
    lirica di alto livello come le altre tue... particolarmente sentita...
  • karen tognini il 06/05/2012 12:24
    Questa tua Mani' è propio bella bella.. adoro Modigliani.. le sue donne dal collo lungo... bellissimo...
    davvero bella dedica... la seconda per una donna speciale sicuramente!!!!!
  • Anonimo il 06/05/2012 12:06
    Bellissimi versi anche se io penso diversamente riguardo agli occhi dei dipinti di Modì... anche a me piace moltissimo. Me ne sono innamorata prima da un film con Gérard Philipe, poi dal libro di Augias ed infine da alcune mostre.
  • Vincenzo Capitanucci il 06/05/2012 11:59
    in quella matita dilaniata dal male
    il plasma dell'immortalità
    una venere cieca
    nascente dai suoi occhi...

    Bellissima Sergio...
  • roberto caterina il 06/05/2012 11:50
    molto meglio così... ciao buona domenica
  • roberto caterina il 06/05/2012 11:34
    "davvero" scusa, il pc si mangia le lettere..
  • senzamaninbicicletta il 06/05/2012 11:33
    grazie roberto, la rima non è cercata ma casuale e non posso togliere la chiusa perché è questa che rende il significato alla poesia. Adesso provo a sistemarla...
  • Anonimo il 06/05/2012 11:17
    versi molto profondi ed intensi... davvero interessanti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0