accedi   |   crea nuovo account

Curiosità mortale

Se la meraviglia non fosse
strappata a forza agli occhi
opprimendo il cuore
quando la notte dorme tranquilla
potrei contare su tutte le cose
del mondo e
chiedere
una saggezza non insipida
bensì vestita di colori
tropicali.

Se la sorpresa fosse simile al sogno
potrei continuare a improvvisare una festa
per te
bere un margarita
senza il tormento di trovarmi
troppo vicino
ad un futuro
che non mi appartiene...

Meraviglia e sorpresa
mi insegnano forse
a non aver
paura della morte
solo curiosità

per un incontro improvviso
per un'infelice prova di ingegno
come quando sono solo
con te..

 

3
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 06/05/2012 18:51
    è splendida, godibile dall'inizio alla fine
  • karen tognini il 06/05/2012 14:45
    Se la sorpresa fosse simile al sogno
    potrei continuare a improvvisare una festa
    per te
    bere un margarita
    senza il tormento di trovarmi
    troppo vicino
    ad un futuro
    che non mi appartiene...

    Bellissima Roberto.. versi molto belli...
    la morte nostra comunque non ci appartiene...
  • Anonimo il 06/05/2012 14:06
    Aulici versi in questa bellissima lirica dove la poeticità non offusca i soggetti poetici molto coinvolgenti. bella.
  • mariateresa morry il 06/05/2012 13:26
    Molto intensa questa tua e anche molto, come dire, " giovanile".. meraviglia e sorpresa sono due fattori determinanti per affrontare la vita, in amore poi... non ne parliamo.. mi pare di leggere in questi tuoi versi che poi, alla fine, all'amore chiediamo solo di lasciarsi vivere, già il fare programmi a volte non gli appartiene... molto bella davvero, roby

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0