PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Café Chantant

Un passero quando è primavera
diventa prepotente
va al Café Chantant
si ciba di briciole enormi
beve una goccia di champagne
la sua voce si abbassa
e stona da far paura..

Ascoltando Shostakovich parla
di politica e di rivoluzioni
possibili
questo
passero solitario
sa che sulla torre antica c'è
da pagare
l'IMU
ma la festa del grillo non è lontana

Il grillo tiene longo verso
e canta solo per amore
mentre al Café il sole cala
e tra violini stonati
i piccioni obesi mandano sms
stanchi del loro viaggiare..

 

4
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 07/05/2012 10:31
    E bhè anche il passero cerca la "passera"
  • Rocco Michele LETTINI il 07/05/2012 10:26
    Simpatico il Tuo verseggiato...
    Attuale e non personale...
    BRAVO ROBERTO... CIAOOO!!!

4 commenti:

  • Alessandro il 08/05/2012 00:07
    Eclettica, ironica, brillante. Piaciuta
  • Anonimo il 07/05/2012 23:25
    Quand'è il momento, anche i passeri hanno la tosse!
  • Anonimo il 07/05/2012 18:21
    Poesia particolare, significativa.

  • Anonimo il 07/05/2012 15:47
    Mi piace molto la prima strofa. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0