username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Uno sguardo di meraviglia

35 anni
e avevi
lo stupore
dei fanciulli.
Sull'altalena
combattevi pirati;
nell'erba
rincorrevi lucertole.
Espressione
allegra triste
di tua madre.
I bambini
avevano appreso
da sempre
la tua poesia,
che un po'
temevano.
Affascinato
dai colori
in volo
di farfalle.
Ascoltavi ore
il concerto
per onde e bruma
nel vento.
"Deficit cognitivo"
la diagnosi
per la tua
meraviglia.
Solitudine
fra quella umanità,
tu che venivi da
altre stelle.

 

l'autore Dino Borcas ha riportato queste note sull'opera

in: Dino Borcas - Esistenze (50 storie in forma poetica, accompagnate da illustrazioni dell'autore)- Lulu. com Editore, 2011
(il libro è presente anche in versione eBook)


2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 08/05/2012 11:19
    La diversità trattata con leggerezza e matura dolcezza. Versi lievi come un volo di farfalle.

4 commenti:

  • tylith il 11/06/2012 14:39
    Poesia meravigliosa in cui hai reso in maniera inequivocabile lo stupore di questi ragazzi che vedono in tutto quello che li circonda cose che noi nemmeno immaginiamo.
  • Anonimo il 07/05/2012 19:54
    Forse... sono proprio loro, eterni bambini per deficit cognitivo a sentire il cuore pulsante della terra e del cielo; non intossicati dai - falsi dei - così saggi, adulti, così sani, così scontati! Loro non si fanno spegnere o schiacciare, loro vivono il loro giorno incontaminati, innocenti, meravigliandosi - veri poeti - per l'istante! Loro forse hanno breve vita ma, lunga è la loro anima!
  • Anonimo il 07/05/2012 13:01
    ***** Un amore infinito. Franco
  • Dino Borcas il 07/05/2012 10:54
    informazioni sul libro in: www. lulu. com
    dove è anche possibile leggere altri brani nella "Anteprima"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0

- Il video di quest'opera -