accedi   |   crea nuovo account

La tua lontananza

Come un gomitolo di lana
dipano la matassa dei ricordi
e aspetto impaziente che ritorni
a illuminare il buio dei miei giorni

mi perdo in questo strano silenzio
disorientato dal vuoto che ho dentro
e tra il disordine dei mie pensieri
mi arrovello incredulo

la lontananza sai mi brucia dentro
e il tuo profumo ancora sento
sull'ultimo foulard dimenticato
prima di salutarmi e andare via

oh dolce amore mio lontano
vorrei sentire ancora la tua mano
questa tua assenza mi consuma
come candela accesa nell'attesa.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alessandro il 09/05/2012 00:19
    La lontananza che consuma, portando il desiderio a livelli insostenibili. Piaciuta
  • Anonimo il 08/05/2012 09:05
    Credo sia solo momentanea attesa... si sente il desiderio intatto di un sentimento non finito e non c'è disperazione ma pacatezza e speranza. Melodiosa e molto gradita!