PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Arrivo della primavera

Le rondini sono al molo
finalmente sorridono al mare,
il sole ha già illuminato il cuore
l'inverno è ora un altro passato.
Mi cullo nell'abbraccio delle onde cristalline
e insieme al tempo
attendo l'estate

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/03/2014 05:40
    Un'opera brevissima, ma che pochi hanno capito (e, infatti, non ci sono commenti). Primavera ed estate sono solo delle metafore. In questa poesia rappresentano la disperazione e la speranza. Momenti tristi che si vogliono scacciare e momenti belli che si spera si realizzino. Ma negli animi tormentati la disperazione prevarrà sempre sulla speranza ed il finale in genere sarà sempre tragico. In questa poesia mi ci vedo e mi ci specchio. Dovessero realizzarsi i miei pensieri travolgerei con la mia caduta diverse persone. Ogni persona si porta dietro una propria storia ed un fardello pesante di avvenimenti e comportamenti che si intrecciano e si avviluppano gli uni sugli altri, ed in queste storie spesso sono coinvolte tantissime persone che inconsapevolmente sarebbero travolte dall'altrui disperazione e dall'altrui caduta. Speriamo che l'estate abbia già portato il sereno, anche se non sembra, e speriamo che il futuro riporti la voglia di vivere e la speranza. E speriamo che nel cuore resti l'amore, quello vero, però, e non il suo surrogato fatto di estemporaneità e ricerca del piacere fine a se stesso e spesso dato per ricavarci qualcosa. Quello non è amore, è altro. Visto quanti commenti può suggerire una breve poesia? Te lo ripeto: non è stata capita!

5 commenti:

  • Anonimo il 16/04/2014 13:38
    Peccato (perché è una bella poesia)!
  • Anonimo il 03/03/2014 11:47
    La primavera è ormai alle porte. Dopo arriverà l'estate e ritornerò anch'io ad abbracciare il mio mare. Farò le cose che dovrò fare e poi aspetterò qualche mareggiata. Sfiderò le onde come l'ultima volta a Punta Ristola che non sono riuscite a sfiorarmi anche se ci avevano provato. Ma la sfida prima o poi avrà un vincitore ed un vinto. Ed i vinti, in genere sono quelli che rinunciano!
  • Angela Francesca Russo il 03/03/2014 07:05
    Si, primavera estate inverno rappresentano in questa metafore riferite alla vita... alle fasi... l'inverno come è classico rappresenta sempre le cose che più ci pesano, la primavera la speranza, l'attesa di qualcosa di nuovo e di bello, l'estate è la pace dei sensi i periodi sereni, spensierati, giovani... in estate c'è un generale risveglio. Le rondini rappresentano la primavera l'arrivo immediato, la sorpresa, il mare è tutta la mia vita, tutto il mio miscuglio di emozioni... rappresenta il mio tempo, l'inizio e la fine. Complimenti ci sei andato molto vicino!
  • Anonimo il 03/03/2014 06:41
    Ecco: visto che me l'hanno suggerita i tuoi versi, te la regalo!

    L'OMBRA DEL PASSATO

    Il nostro fardello di grandine e nebbia
    pesa nella notte del cuore
    dove il buio aleggia,
    dove confusamente l'ombra ti avvolge,
    ti crea incertezze e sconforto.
    Il passato galleggia sempre nei nostri pensieri,
    non è una zattera di salvezza,
    è un macigno che ci spinge verso il fondo.
    Istintivamente nuotiamo verso la superficie,
    cerchiamo disperatamente ossigeno,
    aria nuova per i nostri polmoni,
    per la nostra anima.
    Ma il passato ci opprime,
    ci ricorda i nostri errori,
    le nostre insufficienze,
    le nostre disperazioni,
    la nostra disonestà intellettuale,
    la nostra ipocrisia.
    Il passato è la nostra ombra:
    anche senza sole ci seguirà instancabilmente,
    anche al buio la noteremo sempre.

    Salvatore Armando Santoro
    (Boccheggiano 3. 3. 2013 - 6, 54)
  • Anonimo il 03/03/2014 05:43
    Sistema abbracciodelle onde. Stacca l'articolo determinativo.
    Il passato non esiste neppure quando è tantissimo lontano. Il passato è sempre presente soprattutto quando ha prodotto danni ed ha lasciato dolore!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0