username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Confronti

quando giovane
racchiudevo in me l'ebbrezza
della primavera,
dei soavi suoi fiori la bellezza
e la freschezza,
amavo il sorriso della gente
mi compiacevano i bramosi
sguardi maschili e il complimento
ricevuto per strada.

Simile ero al giungo flessuoso
che il vento dondola a suo modo
senza spezzare,
posto all'attenzione
del sole, ricevendo quasi sempre
calorosi suoi baci in ogni stagione.

Ma la vita che molto mi ha provata,
in amarezza, in fisico dolore,
piena di delusioni, sconsolata
ha fatto sì che dell'olmo
prendessi la fattezza:

scorre più lenta la linfa
sullo stagionato mio tronco
ed i miei rami vigili sanno ora
combattere coi venti.

 

6
4 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosanna gazzaniga il 10/05/2012 09:22
    Bellissima! la vita ha donato la fattezza dell'olmo, i rami che combattono coi venti... intense metafore rendono questa lirica stupenda! bravissima Loretta!
  • Raffaele Arena il 08/05/2012 23:20
    Ben scritta, con grazia. Affronta il tema dell'invecchiamento, superfluo e forse maleducato farlo notare. Ma quello di chi sà invecchiare con carattere, nonostante tutto e tutti. E dimostra una sensibilità che purtroppo rende troppo veloce l'invecchiamento dell'olmo. Che si continua con piacere ad ammirare, per cio' che riesce a raccontarci. Bellissima poesia.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/05/2012 17:04
    Un'altra Tua chicca... dal verseggiar sublime...
    Peccato che trasuda del dolore...
    LORETTA
  • Auro Lezzi il 08/05/2012 16:57
    Una grande poetessa ma anche un po' bugiardella... mio caro fiorellino.
  • Grazia Denaro il 08/05/2012 16:31
    Se prima eri giunco flessuoso, eri sballottata dai venti, oggi che hai preso le fattezze dell'olmo sei più combattiva anche ai venti impetuosi che non possono abbatterti poiché hai una maggiore resistenza. È la vita che con l'avanzare degli anni ci mette più giudizio tramite le esperienze fatte che ci hanno arricchito e sbrigliata la mente. Bella lirica pregna di metafore, stilata con versi scorrevoli, apprezzata!
  • Anonimo il 08/05/2012 15:59
    In questo "autunno" della vita hai racchiuso tutte le tue emozioni vissute, splendide e piene. Complimenti, piaciuta moltissimo!

4 commenti:

  • Aedo il 08/05/2012 19:59
    Hai rappresentato con intensità lirica il difficile cammino della vita. Adesso comunque sai combattere...
    Un abbraccio
  • Mario Olimpieri il 08/05/2012 17:03
    Da giovani sono forti i sentimenti, gli amori, le contrarietà e gli impedimenti di ogni tipo, e spesso manca l'esperienza per affrontare il tutto, poi arriva l'inverno della nostra vita e dobbiamo combattere tenacemente con quella forza morale ormai acquisita e necessaria per affrontare ogni difficoltà.
  • rossella loconte il 08/05/2012 16:56
    come ho anche scritto in una poesia recente... chi ti ha conosciuta in passato.. oggi.. ricorderà con piacere la tua antica bellezza.. ma apprezzerà col cuore la bellezza della tua anima..
  • Anonimo il 08/05/2012 16:24
    Molto bella e vera Lor...

    scorre più lenta la mia linfa
    sullo stagionato mio tronco
    ed i miei rami vigli sanno ora
    combattere coi venti...

    Con gli anni però, a furia di batoste... forse sarai più previdente, forse sarai sfiduciata... ma al contempo... non ti senti più forte?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0