username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il mio errore

Ho solo rabbia
negli occhi, e odio,
per l'ambiguità del fato
che nell'assenza
dona lenta e amara morte
negandomi
il tuo bel canto che parla

il silenzio illumina
i giorni d'oblio
e tinge d'opaco il mio pianto,
mi siedo sul bordo
d'un pozzo colmo di fango
e nero castigo,
si perde il mio sguardo
mentre getto sassi
e tutti i miei sogni sul fondo

niente resta nel cuore
che sanguina e soffre
calpestato
dall'eco dei colpi d'un male
che conficca i suoi chiodi
nell'io più profondo
in un fare incessante

nella mente si disegnano
i vuoti
dai familiari contorni,
è un profilo che sfuma
-il tuo-

ora vegeto
nella mia triste condanna,
ho tolto le scarpe
e legato ai piedi un masso,
voglio camminare
nella vita col mio dolore
per poter espiare
ad ogni passo il mio errore.

 

8
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 03/02/2016 09:09
    Riconoscesi è la migliore parte di se, molto piaciuta!
  • GIUSEPPE il 09/05/2012 14:54
    L'errore è solo una parte di noi che non riusciamo a colmare in quanto persa in qualche momento del nostro percorso di vita. Possiamo solo meditare per nutrire l'anima e appagarla dell'errore commesso che, di certo, sarà sempre con noi. Tutto ciò in negativo sul piano esistenziale; in positivo, l'errore commesso possiamo paragonarlo ad una spia da attenzionare nel momento in cui il nostro agire non corrisponde alle reali intenzioni. Quando la spia s'illumina occorre fare un passo indietro per non cadere nel "pozzo colmo di fango". Allora l'errore commesso dovrà essere il nostro pedagogo. Ciao Marco; bei versi!

7 commenti:

  • Daniela Bonifazi il 02/12/2012 08:23
    Mi riconosco in questi splendidi versi. Errori! Scagli la prima pietra chi mai ne ha commessi. Potremmo edificare un'intera città io credo. Sbagliare ha un senso solo se si è capaci di trarre insegnamenti e moniti per un futuro meno problematico, altrimenti non resta che pagare le conseguenze. Complimenti Marco!
  • Anonimo il 15/05/2012 11:05
    intensa profonda lirica, che esprime dolore, il disagio... la rabbia... a volte c'è bisogno di tempo per metabolizzare... gli errori fanno parte della vita, ci accompagnano ed a volte ci fanno apprezzare ciò che è giusto!!!! complimenti di cuore per il bel verseggiare...
  • denny red. il 10/05/2012 04:08
    È intensissima.. che dire.. è profonda come il mare.. fredda come un lago.. Bella.. Bella! Ben Scritta! Bravo!
  • Anonimo il 09/05/2012 18:42
    Versi dolorosi, sentiti... faccio mio il commento di Stella Luce.

    Molto bella
  • stella luce il 09/05/2012 16:11
    caro mio Poeta gli errori si fanno nella vita... e restano come macigni che ci impediscono di andare oltre... ma credo che come altri mi hanno detto ci si debba perdonare per poi tornare a vivere... dolorosi versi ma molto sentiti...
  • Vilma il 09/05/2012 15:15
    Coinvolta dal primo all'ultimo verso in quest'atmosfera struggente, letti e riletti questi versi stilati molto bene
  • Anonimo il 09/05/2012 15:04
    Per così tanta disperazione, immagino un errore fatale. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0