PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per Fatima Del Castillo

Rigogliosa era la vite
forte il tronco
capace di sfidare i venti,
sorrideva al sole
e ad esso si adagiava dolcemente
generava foglie rigogliose
e grappoli turgidi, succosi.
Fatima, la vite
ha vissuto per gli altri
per lei sorrideva la luna
in ogni cosa attorno
cercava l'armonia
acini d'uva
come occhi di fata
ma il vento che soffia tempesta
ne ha roso le radici
e la figlia degli dei
la Vite
lentamente a reclinato il capo,
seccano le sue foglie
ad una ad una;
muore la vite tanto amata

 

3
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 17/05/2012 20:44
    Si. La natura soggetta a mutamenti estremi. Complicate composizioni biologiche e chimiche ci rendono una simil natura. Che sia il campo in erba artificiale, le mele colorate e lucidate con pigmenti genetici organici, insomma, bellissima poesia che tocca un tema davvero triste, al pensiero delle mutazioni genetiche cui siamo testimoni, personalmente da poco tempo, da otto generazioni fa ad oggi: Piaciuta.
  • Anonimo il 09/05/2012 19:39
    Questa vite, immagine di vita, mi ricorda molto la dolcezza di una madre, dedita e fedele al suo impegno verso gli "acini d'uva" anche quando questi crescono facendola adagiare per il peso delle responsabilità. Quest'immagine caustica di una vita spesa per l'altro è molto bella. Complimenti davvero!
    M.

3 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 10/05/2012 15:37
    Muore la vite tanto amata chiudendo con "commozione" questa sua poesia.
  • salvatore maurici il 09/05/2012 22:42
    Fatima è stata una donna molto impegnata nel sociale, donna libera, maestra, si è impegnata con tutte le se forze per rendere la vita del campo Rom di Palermo almeno dignitoso, è morta ieri di tumore. Lei è la vite che si teneva avvinghiata al sostegno fino a quando gli è stato possibile poi il vento l'ha strappata al suo sostegno creando dolore e costernazione in tutti coloro che l'hanno conosciuta am ata ed appezzata.
  • loretta margherita citarei il 09/05/2012 19:23
    molto apprezzata complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0