accedi   |   crea nuovo account

Precipizio

Senso di cadere nel precipizio
infinito alla tua sofferenza;
questa notte versando lacrime
pensando a te mia Musa.
dolore di spina la cuore
filo di sangue rigava il mio volto
come sintonia la sento
fluire dentro.

Questa tua tristezza
attraversa il mio corpo
senso d'ansia al suo lasciare
dolenzia la sento
alla mia essenza
di quella melodia;
straziante, sconnessa è
perduta.

Traviata la mia mente a questa paura
di reagire, di ridere e
donare.
Vedo sbarre in questo
di prigionia, agognata la sento.
Manca l'aria finché
sarai così, serenità non percepisco.

Quella fiamma, debole, incupita non viva
di quella energia che
esce dal tuo animo carico
ma scarico della sua linfa.

Come fenice rossa
vederti riemergere dalle ceneri e
riaccendere la fiamma che arde e
abbaglia alla tua visione.
Potendo far fluire questi miei
versi in melodia poetica, emozioni
trascritte come sempre ho fatto.

Sei dentro la mente, di quella energia che
non posso comandare
come tantra
percepisco quella sensazione
di unione tra anime
di esplodere al contatto del corpo.
Scende sudore dalla pelle
al vento di scirocco
come bora di Trieste
spazza via tutto il mio essere.

Stelle sotto un cielo cocente
vedo precipitare come
meteore le sento schiantare
cratere di satellite vedo
di un dono lo sento.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Aldo il 11/05/2012 14:13
    stella il precipizio era la sintonia che sentivo dentro di un malessere della Musa no sotto forma di spirito ma carnale
  • stella luce il 11/05/2012 13:57
    quel precipizio sarà saltato e tutto il dolore fluirà lontano... e tu vivrai tutto quello che ti darà gioia e vita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0