PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Excalibur

Ho ricevuto in dono una spada di luce
per difendermi dal buio che ovunque mi assale
e per squarciare cuori come castelli di bianco opale,
nel silenzio di un Cielo che piano, cade.

Incido ferite come Sole che arde,
con la mia spada che tace, il vento come il male.
E il Tempo ora si fa più sottile
e finisce nell'abisso che lento schiude.

Il vuoto si riempie di un Mare che è Cielo, lacrima
che esplode come urlo dagli occhi,
e lentamente scompare, e quasi soffoca.

Ho ricevuto in dono una spada di luce eterna,
affilata come un pensiero, leggera come il vento che adesso tocchi.
Questa è Excalibur, questa, è la mia anima immortale.

 

3
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/05/2012 20:33
    Molto bells, sia a partire dall'accuratezza formale sia nei contenuti. Bravo, complimenti!

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0