PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Scusa, ti saluto

Sto perdendo l'udito,
cosa dici?
In che lingua parli?
È la mia? Si, anche se sei straniero
il linguaggio è l'artificio bugiardo

che se capisci che non parli con il cuore
che i tuoi occhi sono spenti
che solo ti lamenti e abbassi le mie energie

allora, scusa, ti saluto,
ho bisogno di ricaricare le mie batterie.

Forse poi l'apparecchio acustico mi torna a funzionare.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • paolo rizzotto il 04/12/2015 17:43
    testo divertente e fresco
  • Bruno Briasco il 13/05/2012 11:07
    E bravo Raffaele... un abbraccio
  • Francesca La Torre il 13/05/2012 09:44
    Bellissima: il dialogo, quando c'e' deve essere autentico", altrimenti bisogna salutarsi... averne il coraggio! Piaciuta molto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0