accedi   |   crea nuovo account

Orizzonti perduti

Mormorii nell'alba a turbare un risveglio,
magica atmosfera di incerta attesa
ove il mio spirito si crogiola discreto.
Cullati dalle eteree mani del vento,
continuano i sussurri nell'assenza.
Voci sommesse in questo albeggiare
ad alleviare un dolore antico.
Voci perdute nel silenzio
a scompaginare bianche nubi
in un mio firmamento ansioso.
Ho visto carovane di sabbia
smarrirsi lungo piste dimenticate,
granelli turbinanti sotto cieli infocati.
Improbabili villaggi abitati dai rimpianti
ove i miei passi muovono incerti.
Donne e animali condividono una strada
accomunati da un destino ignavo.
Voci e suoni nel nascere del giorno,
mute presenze d'intorno,
ad accompagnarmi lungo questa strada
ed anche il mio cammino si fa più lieve.

 

l'autore nicola cannone ha riportato queste note sull'opera

Karcham 17. 06. 2011
Himachal Pradesh (02. 06. 2011 - 27. 07. 2011) viaggio in solitaria nell'Himalaya indiano.


0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 15/05/2012 08:20
    Fotogrammi di un nitido viaggio... lodevole nella musicalità e nel corredo...
    BRAVO NICOLA... CIAOOO!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0