PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stronzi coloro

Stronzi sono coloro che osano,
maledetti bastardi che ce l'hanno fatta.
Finiti i loro studi in economia,
felice la madre felice il padre orgogliosi
felice è pure la nonna
vecchia cariatide ciucciacazzi che adesso
si pavoneggia del nipote al supermercato.
Piccoli fili attaccati ma non li vedono
e perdio non li sentono.
Si illudono di libertà
gareggiano con i conoscenti
uccidendosi per l'importanza di apparire
senza tregua senza regole, ogni colpo è permesso.
Stronzi sono coloro che hanno portato a termine i loro studi in economia
sfoggiano belle camicie bianco perla
con un cappio al collo chiamato cravatta.
Chiusi in uffici con moquette e aria condizionata,
davanti a centinaia di monitor,
penne e raccoglitori per rilegare documenti.
Cifre, soldi, tassi,
occhiatine maliziose alla collega provocante
unica donna in ufficio
due grosse tette
lì che si vanta del suo essere orgogliosamente troia.
Muffa nei cervelli ormai calcificati,
mangiano sushi vanno in palestra
lampade, vestiti, musica pop lanciata dalla radio in voga,
cd, tonnellate di pornografia per ammazzare le imperanti
voglie suscitate dalla visione di un seno durante la giornata,
con immagini porno che passano nel cervello
con rapidità di un battito d'ali di un fottuto colibrì,
proseguono spavaldi le loro esistenze
guadagnano manciate di euro
gettategli in faccia per il loro essere complici,
ridono grassi e compiaciuti.
Fanno un regalo alla madre,
fiera e luccicante per la carriera del pargolo
che fino a ieri era un bambino adesso sei uomo,
i giorni muoiono nell'ufficio con moquette
trovano quello che credono sia amore,
si fidanzano.
Eccoli, incessanti pranzi familiari
tavolate imbandite di cibo e banalità,
risa,
metton su famiglia, il matrimonio gli addobbi
la cerimonia ed un peccaminoso addio al celibato,
foto, belle persone, vestiti firmati e musica
il prete che benedice un amore breve per sempre,
tanto sesso nella luna di miele infuocata

12

5
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • augusta il 27/05/2012 10:13
    damiano bellissimo... hai ragione di lasciare l'interpretazione a chi legge... anch'io la penso così... mi piace cmq lo sfogo...
  • damiano86 il 17/05/2012 10:54
    ciao vincenzo,
    non spiego mai quel che scrivo, ma non per arroganza, solo per non sminuire nemmeno una di quelle parole che ho buttato giù. Lascio l'interpretazione a chi legge. un saluto!
  • Gianni Spadavecchia il 16/05/2012 14:43
    Sfogo pazzesco pieno di rabbia e quasi disgusto..
  • vincent corbo il 16/05/2012 12:00
    Uno sfogo tostissimo ma attraversato da una punta d'invidia (forse mi sbaglio)... disgusto?
  • damiano86 il 16/05/2012 00:38
    grazie Alèd
  • Anonimo il 15/05/2012 21:46
    Se tutto va bene siamo rovinati. ***** Franco
  • loretta margherita citarei il 15/05/2012 16:32
    mio figlio è laureato in economia ma lavora x poche centinaia d'euro al mese, come tanti col contratto d'apprendistato a differenza di questi figli di papà, che pur essendo somari, lavorano grazie alle ponze
  • Alèd il 15/05/2012 14:41
    Che bel sfogo... Tutto d'un fiato

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0