PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ti chiamo su una banda di frequenza dove nessuno può sentirmi

Ti chiamo
ho bisogno di urlare il Tuo nome nel mio cuore

per non farmi sentire dal silenzio della notte
faccio attraversare la mia mente da una banda di grancasse e trombe d'aria

Ti chiamo
urlo
sfondo il soffitto del mio corpo

fra le fate del cielo origino un sole danzante
per vedere il Tuo viso splendere fra le stelle d'oro di un giorno d'Amore mai finito

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 17/05/2012 18:18
    Vero è che non so commentare, figurati poi recensire; ma non sono un adulatore, ma dai gatti neri starei attento, anche se bravissimo sei e sarai.

12 commenti:

  • Shabui. il 01/06/2012 14:36
    Qualche anno fa, se la memoria non m'illude, scrissi sulle "silenziose urla". Non ricordo le parole, non ricordo il valore. Ricordo quella sensazione di claustrofobia oscura, quei rumori e urla tanto silenziose ed inesistenti che mi pareva d'impazzire.
    Le tue parole han risvegliato questo ricordo. Grazie.
  • Don Pompeo Mongiello il 17/05/2012 18:40
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua eccezionale davvero!
  • Anonimo il 15/05/2012 21:26
    Ammazza quanta passione... Amore... la voglia di urlare il suo nome gridata dal Cuore Vincè! La tua esplosione è arrivata sin da qui!

    Bellissima e sentita!
  • Anonimo il 15/05/2012 18:46
    fra le fate del cielo origino un sole danzante
    per vedere il Tuo viso splendere fra le stelle d'oro di un giorno d'Amore mai finito

    Stupendi versi da incanto...
    Bellissima Vincenzo... emozionante e profonda...
  • Anonimo il 15/05/2012 13:34
    Quando si sente tale bisogno si è giunti al culmine più profondo del sentimento.
    Bellissima Vincé... ma attento alle bande della polizia, quando la chiami!
  • Filippo Minacapilli il 15/05/2012 11:46
    Urga!... Molto bella
  • Annamaria Ribuk il 15/05/2012 11:39
    ... e dire che per sentire non serve neanche a sussurrare...
  • Rocco Michele LETTINI il 15/05/2012 11:08
    Che dirTi stupenda nel verseggio e nei Tuoi inediti sentimenti...
    BRAVO VINCENZO... CIAOOO!!!
  • Elisabetta Fabrini il 15/05/2012 10:15
    Posso urlare anche io con te?? Magari un altro nome..
    Bellissima Maestro!!
    ciao ciao
  • Anonimo il 15/05/2012 10:14
    credo che questa frequenza sia nel profondo delcuore... bisogno di urlare il tuo nome... meravigliosa e forte...
    complimenti maestro... di questa nobile arte del poetare...
  • - Giama - il 15/05/2012 10:09
    Una grande energia nasce spntaneamente da questi versi; suono e luce si combinano in un intreccio di versi forti e "prepotentemente" sentiti.
    il tutto oltre ogni barriera, colmando l'infinito di un TI AMO sorprendente!

    Splendida Vincenzo!

    Ciao ciao
  • karen tognini il 15/05/2012 10:02
    Slendide emozioni... Ti chiamo... ti chiamo... ti chiamo... Ti chiamo
    ho bisogno di urlare il Tuo nome nel mio cuore

    per non farmi sentire dal silenzio della notte

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0