PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La critica

Son muto urlante
e scaglio la colonia
di parole guerrigliere
verso colossi di pietra
che ai piedi d'argilla
impongono un crollo triviale,
ma ecco ora tornare
il fremito ventoso
del vecchio attimo fosco
che volgare mi ricorda
(come ogni notte)
di quanto siano
sordi i miei pensieri
e di quanto sia
folle il mio strillar

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti: