username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Uomo pazzo del ventunesimo secolo

Uomo pazzo del ventunesimo secolo
un giro in macchina a folle velocità,
in preda ad una nevrosi acuta
la tua vita finirà.

Nelle ansie del tuo essere
il tuo ego è al primo posto,
sei bramoso di sospetti
paranoico a più non posso.

Non nascondi le tue paure
che t'inchiodano su una croce,
e ti consoli meditando
sotto un timido fil di voce.

Sei figlio del tuo tempo
vagabondo senza meta,
il tuo cervello è trastullato
la tua anima è inquieta.

E la notte?... alcun consiglio
anzi.. alimenta i tuoi rancori,
povero letto.. sempre sfatto
e le lexotan che fai fuori.

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/05/2012 16:30
    ciao, molto bella: autentica e tristemente veritiera!
  • Rocco Michele LETTINI il 15/05/2012 16:25
    Una diaggnosi luminare... in una terapia appropriata e da seguir... fin a la ferma de le lancette...
    Quartine lodevoli nel contenuto e... nella musicalità...
    BRAVO GIUSEPPE... COME SEMPRE... CIAOOO!!!

1 commenti: