accedi   |   crea nuovo account

Daphne

A lungo ho vagato per queste selve,
trasportata dal caldo aroma della mia terra.
A lungo son fuggita da un signore di
quella stessa di cui ora faccio parte.

Immobili verso l'alto son le mie braccia;
i miei capelli di fiori e foglie son ricchi;
le mie gambe e piedi fusi in cosa sola
con la mia amata madre, che da sventura mi salvò.

Il mio piccolo mondo gli occhi altrui ammirano,
non curanti su di me e la famiglia
posano sguardo.

Non sanno che tra quelle morbide fronde
i verdi occhi sono vigili e sereni e
le labbra mute hanno odor d'alloro,
inebriante si spande, protezione quieta
di me che la mia terra ormai sono.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0