PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non ce la fa mio padre

Non ce la fa mio padre
ad arrivare a fine mese.

L'alba è solo un ricordo
si è smarrito nel tramonto.

Non ce la fa mio padre
ad arrivare a fine mese.

Ha battuto la testa
contro il muro della crisi

ha posto la speranza
nel cassetto dell'arrendevolezza

vuole buttarsi dalla finestra.

Non ce la fa mio padre
Ad arrivare a fine mese.

Una vita fatta a brandelli
tasse su tasse
lacrime e fallimenti

sogni affogati
in una casa di soli pavimenti

Accidenti!

Proprio non ce la fa
mio padre
ad arrivare a fine mese.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 18/05/2012 14:13
    UN saggio diceva tanti debiti, tanta fortuna. Questa lirica è canto disperato della condizione di milioni di persone del mondo. Ce la farà, a non buttarsi della finestra. Questo il mio grido!
  • Rocco Michele LETTINI il 16/05/2012 08:59
    Chissà... se arrivasse questo Tuo... attuale... messaggio a Nostro Santissimo Signore de lo Suo-ave Governo...
    BRAVO SIMONE... NEL TEMA E NEL VERSEGGIO... CIAOOO!!!
  • Anonimo il 16/05/2012 06:45
    Il poeta con versi semplici affronta una tematica amara per tante famiglie.
    Nelle parole la resa di un padre che neanche più tenta.

12 commenti:

  • STEFANO ROSSI il 21/05/2012 18:27
    Grazie a tutti un abbraccio
  • Anonimo il 18/05/2012 19:09
    scusa i refusi è la rabbia... ancora baci
  • Anonimo il 18/05/2012 19:07
    una voce che risuona in altre cento mille voci... una testimonianza forte e coraggiosa caro amico... che tocca il cuore... prima o poi accadrà qualcosa... non è possibile essere impassibile di fronte a tale rovina... Ste ti sono, siamo tutti vicini... siamo tutti su la stessa barca... Vedrai tuo padre è forte... un abbraccio sincero...
  • mariateresa morry il 16/05/2012 16:33
    Stefano, leggendo questi versi mi è venuto in mente uno spiritual dei neri in Alabama... lo dico sul serio e senza alcuna ironia.. Tu sai scrivere benissimo di questi argomenti, che, per farne letteratura, bisogna prorprio essere BRAVI !!!
  • STEFANO ROSSI il 16/05/2012 11:59
    Grazie mille per i vostri commenti. Vedo con grande felcità che siamo tutti arrabbiati e ciò mi fa riflettere. dice bene Anna, adesso basta. Facciamo qualcosa. Questi miei versi sono un messaggio per tutti. DAIIIIII
  • roberto caterina il 16/05/2012 10:26
    Molto bella, testimonia una drammatica realtà..
  • Vincenzo Capitanucci il 16/05/2012 10:14
    Molto bella e commovente Stefano... di una drammatica realtà... che si è impossessata del mondo... da Napoli a Città del Messico... da Rio... a Calcutta...
  • Anna Rossi il 16/05/2012 10:04
    è il momento di alzare la testa. per troppo tempo siamo stati un popolo pecora. meritiamo questi ladri che abbiamo democraticamente eletto. loro non se ne andranno mai. ribelliamoci!! da noi, al sud, non si vive più, si muore tutti un poco poco tutti i giorni. e io mi sono stancata di vedere i giovani che si arrendono o che si lagnano.. una giovane ragazza calabrese brillantemente laureta si è suicidata di recente per mancanza di lavoro. ma che cavolo aspettiamo!! nord centro sud isole..
    perdonami, leggendo il tuo testo non riesco a mantenere la calma. sono indignata!! muoviamoci!!... e incazziamoci tutti!! che nessuno verrà a salvarci.
    ciao Stefano.
  • Anonimo il 16/05/2012 09:20
    tristemente vero, questo tuo componimento trova immediato riscontro in questa nostra attuale situazione.
  • karen tognini il 16/05/2012 08:21
    Stefano e' davvero cosi' per molti..è un momento difficilissimo...
    la crisi sta ammazzando molte persone.. alcuni non ce la fanno psicologicamente... e arrivano a gesti estremi... speriamo cambi qualcosa... ma siamo noi italiani che ce la siamo voluta... mettendo sempre la testa sotto la sabbia come gli struzzi...
    stai vicino a tuo padre!!!!
  • Vilma il 16/05/2012 07:50
    una triste, drammatica realtà dei nostri tempi espressa molto bene
  • Anonimo il 16/05/2012 01:10
    il dramma è che non solo tuo padre non ce la fa ad arrivare fine mese... siamo in una brutta situazione... sempre peggio. Anche i giovani sono messi male... Siamo in mano a gente senza un briciolo di coscienza, comandano loro... i grandi politici di m...!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0