PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Versi per il Presidente Obama

Caro Presidente,
per problemi di coscienza
scrivo di morale
e sul matrimonio anch'io
oso dir la mia.
È proprio in virtù
dell'intesa coniugale
che ti ritrovi presidente
con una bella famiglia,
invece io, per abbandono
del letto nuziale,
vivo solo di ricordi familiari.
Il matrimonio è il sigillo
della vera famiglia che
da tempo retrocede sulla griglia
quando dovrebbe esser
la perfetta pariglia
per un avvenire migliore.
A tanto mai si arriverà
con l'odierna politica,
solo squallido imbroglio,
per noi ci fu Pietro Badoglio
e oggi, invece, abbiam
Belpietro a dritta che parla,
Di Pietro a manca che urla,
al centro sempre casini
con fini presidenti,
uno vittima della suocera
e l'altro che gioca con il bunga
e ci riporta ai bingo bongo.
E da questa povera Italia
con il tacco che affonda,
emerge, poi, a valle dai monti,
proprio dalle acque piovane,
non il Presidente Monti,
salvator della patria,
ma il vecchio Senatur,
che inneggia alla grana
purché sia padana,
detesta il torrone
con tutti i terroni
e considera invasori
chi entra in padania.
Se l'Italia, però, piange
con questi politici
di così basso livello,
morale e culturale,
voi là in America,
non certo ridete,
con i vostri potenti

1234

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0