PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alla bellezza

Tu, petalo di cielo
e d'infinite profondità
ove nere cascate
affogano il male.

Enormi fari curiosi
saettano nel sole
correndo sicuri
sopra il mio viso.

E voi, mani,
sospiro al vostro tocco,
pallide valanghe di passione,
sfocati paradisi perduti.

Divin sorriso,
come potrei scorarti?
Sicuro del tuo fascino
danzi sul volto amico.

Al primo occhio,
tu, rapido amante
inganni il mondo
svalutando il tuo io.

Ma il bello
preferito dall'umano
perfetta ti rende
in folle errate.

Profondo ricordo
di lune lontane,
svanisci or dal cuore
illusione divina.

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 17/05/2012 20:08
    Un linguaggio sorvegliato e curato in ogni aspetto e una poesia splendida... ti meriti tutti i miei complimenti, splendida...
  • Rocco Michele LETTINI il 17/05/2012 15:57
    È il Tuo verseggio... sincero... puro... schietto... mirabileee!!!
    BRAVO ANDREA... UN INNO FIRMATO... CIAOOO!!!

0 commenti: