PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Queen of the Highway

Queen of the highway
mondo di cemento
svincolo sopraelevato
Spostati i capelli
che ti coprono gli occhi
e asciugati il sudore

Queen of the highway
gonna in pelle nera
scarpe di cristallo
Sentiti invincibile
mentre sputi in faccia al buio
e ridi della luna

Queen of the highway
guardrail come trono
lampione come corona
Non sentirti sola
nella notte intossicata
che muore verso est

Queen of the highway
sorriso di plastica
labbra sfinite
Guardami in faccia
senza chiedermi il perché
mentre compro un po’ della tua vita

Queen of the highway
spirito annoiato
fiore consumato
Rannicchiati in te stessa
fra un’ora ti dimenticherò
e tu farai lo stesso

Queen of the highway
piazzola di sosta
sbarra del telepass pendola di orologio
Cerca di non arrenderti
mentre arriva il giorno
e cammini a piedi nudi

sull’asfalto consumato.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • luigi deluca il 09/09/2007 11:09
    ci sarebbe da parlare per settimane sul problema della prostituzione, ma è già qualcosa che tu lanci questo piccolo sassolino, io ho inteso questa tua, come una "difesa" di queste (in buona parte) "schiave" alle quali si priva persino la dignità della scelta! gigi
  • augusto villa il 26/07/2007 15:55
    Mi piace questa poesia!... Mi piace come scrivi, sia in un modo che nell'altro che poi per me è sempre lo stesso... Bravo ancora!!! Ciao!
  • filippo s ganci il 13/07/2007 18:04
    si coglie una particolarità che ti fa pensare a qualcosa di vita vissuta, dove fai parte!
  • Sophie DMF il 01/07/2007 00:47
    Non so perchè, questa poesia mi comunica un "non so che"di metropoli anni 80. Mi piace... perchè non inquadra sentimenti particolari o espliciti, ma velate sensazioni di una realtà più che contemporanea. un sorriso. Sophie
  • Anonimo il 29/06/2007 02:24
    Hey Duccio non sei mica male in quast'altra versione!!
  • Duccio Monfardini il 26/06/2007 00:40
    eh si accorsi... anche il volgare monfardini ogni tanto è un po' più fine... scherzo, mi è venuta così, grazie dell'attenzione... ciao.
  • alberto accorsi il 25/06/2007 21:40
    Delicata. Sorprendentemente pudica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0