accedi   |   crea nuovo account

Anima

E se le stelle del cielo
fossero anime disperse nell'infinito spazio
una qui... una la...
lontane da noi e lontane tra loro
stelle pulsanti... vive e vibranti
incatenate all'equilibrio universale
che mai ebbe soluzione umana

come vorrei immaginarmi anima
e fluttuare nello spazio sconfinato
attraversare le galassie
per giungere al cospetto di dio
e guardarlo finalmente negli occhi

volteggiare vorrei alla velocità della luce
superando l'infinito
per poi esplodere nel vuoto assoluto
e adagiare la mia polvere celeste
a ricoprire tutto il firmamento

per ora
sono solamente un chicco di grano
attaccato alla spiga
che volteggia leggera
sospinta dal vento di terra

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 17/05/2012 21:14
    Il poeta riflette su concetti fondamentali (la spiritualità è un fondamento primario) ed io, a questo punto mi pongo un quesito: potremmo già in questo momento essere Stelle, ma indotti intenzionalmente a considerarci piccoli chicchi? Sarebbe un piano diabolico!!

    Piaciuta davvero molto (soprattutto il concetto di esplodere nel vuoto assoluto). Bravo

2 commenti:

  • Anonimo il 17/05/2012 21:45
    È una poesia molto suggestiva e fa davvero riflettere
  • stella luce il 17/05/2012 19:36
    hai scritto versi profondissimi e molto belli... ora siamo grano che deve maturare e dare frutto e un giorno saremo stelle che fluttuano nel cielo... mi è piaciuta moltissimo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0