username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Celeste

Pace celestiale egli donava
togliendomi dalle paffute nuvole
portandomi a pensare.

Spago dorato per la mia anima divenne

impedendomi di scappare oltre l'impossibile

risvegliando in me il sogno del credibile.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/05/2012 10:42
    Tra sogno e realtà, esiste un sottile velo di confine che, pur se invisibile, può essere facilmente sollevato, facendoci entrare in un mondo di nostalgia per aver conosciuto la precedente serenità. Subito dopo, giunge la nostalgia per ciò che avevamo intensamente sognato e vissuto dentro l'anima!

4 commenti:

  • Centrone Stefano il 19/05/2012 23:33
    Bella e profonda.
  • - Giama - il 18/05/2012 09:49
    Scusa correggo: ... quell'impossibile però non deve essere un limite così come il credibile non deve essere la meta.
    Abbraccio!
    ciao ciao
  • - Giama - il 18/05/2012 09:48
    grandissimi versi Stella, quell'impossibile però non deve può essere un limite così come il credibile non deve essere la meta.
    Abbraccio!
    ciao ciao
  • Inchiappa Vito I Song il 18/05/2012 00:09
    Ci sarà ancora egli e ti farà vedere che l'impossibile non esiste.
    Quel filo dorato non è un guonzaglio, non ti frena, ma è l'appiglio al quale aggrapparti quando avrai l'impressione che un baratro si apra sotto i tuoi piedi o afferrerai per rialzarti dopo una caduta e proseguire. Il credibile, che a volte diventa un incubo dal quale fuggire, è un sogno da vivere... basta non chiudere gli occhi.
    Bella davvero, brava Stella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0