username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A' la manière de André Breton

Rincorro il maiale sonante che aizza
le corna fuggiasche di rotto mistero
acute di trote, di rime disfatte
al séguito corso di antico maniero.
tu piangi tu sogni
signora mia arcana, gran fata Morgana
del tempio nefasto
battente nel sole, ciniglia rappresa,
mi sento contesa dal mio divenire.

 

l'autore mariateresa morry ha riportato queste note sull'opera

Scritta seguendo le indicazioni di Breton nel suo Manifesto Surrealista del 1924, ossia scrivere d'impulso, seguendo l'ondata delle parole che si affacciano alla mente. Grazie Razza per il consiglio!


3
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ernest il 23/05/2012 11:57
    Il mio commento in relazione alla sua poesia sara di tzariana memoria:
    elaborazione porre dell'autrice mi senza molto ciò una. bella in al immediatezza ed, genuino poesia rende conserva In. oltre Molto di alcuna stile la certa il suo pensiero elegante chiaro veloce bella che. Il lo tutto essere che rimane significato e l'idea piace pensiero dare

  • Raffaele Arena il 19/05/2012 20:59
    E se la scrivevi con un filo logico, veniva un qualcosa di ancor più meraviglioso di questa meraviglia poetica. Piaciuta davvero, gioco di immagini e sentimenti. Qualità espressiva ed emotiva! Tanta roba!

9 commenti:

  • loretta margherita citarei il 18/05/2012 21:15
    esperimento ben riuscito complimenti
  • mauri huis il 18/05/2012 21:13
    Qui ci vorrebbe un'analista, cosa che non sono. Mi accontento perciò di godere del fluire del verso e della musicalità che diffonde. Troppo poco? Non direi. Anzi! Ossequiosi saluti, gran dama venexiana!
  • Anonimo il 18/05/2012 13:29
    Rincorrere il maiale, può essere un pensiero surrealista. Per mio cognato invece, rincorrere il maiale il giorno del suo sacrificio, (del maiale naturalmente) e stata una faticaccia molto reale. Non c'era Breton. Mariateresa morry: una donna per tutte le stagioni. ***** franco
  • agave il 18/05/2012 13:02
    piaciuta tanto tanto... w la fata Morgana
  • vincent corbo il 18/05/2012 11:14
    Razza, sempre Razza... Hai visto che risultato? è la tua anima che insegue i sogni...
  • Ugo Mastrogiovanni il 18/05/2012 09:53
    La brava Molly si cimenta in una sintetica opera nella quale sfiora il surrealismo di Breton: distacca il pensiero dalla ragione; ma Breton pensava di farlo senza preoccuparsi di vincoli morali ed estetici, Molly invece conserva nei suoi versi la necessaria e garbata estetica.
  • Anonimo il 18/05/2012 09:28
    "L'écriture automatique"... Che grande mistero!
    Be' un genio del surrealismo come Razza (pensavi che dicessi Breton? ), non poteva che essere sperimentato. Avrai anche tu una "realizzazione" come in "Tournesol"? Un déjà-vu?
  • roberto caterina il 18/05/2012 08:27
    Brava Maria Teresa, i suoni illuminano le rime disfatte...
  • Vincenzo Capitanucci il 18/05/2012 08:17
    Ottima prova di scrittura "automatica"... Mariateresa... se vogliamo scoprire qualcosa di nuovo... questa è la via...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0