username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Per Ariel

Azz' allora è overo?
L'aggio leggiuto ncopp' 'o calennario
E ssì, piccerè è propeto overo!
Sì ssempe tu a meglia stella 'ncielo
Sì ssempe tu a meglia amica mia!
Allora c'aggia fa? L'augurie t'aggia dà?
No, Nenna d'oro, nun c'è bbisogno
Dduje uocchie comme e tuje addò 'e ttruovo?
Rrobba 'e n'atu munno sì, è overo!
A meglia sì e je so ssincero!

Te l'aggia dì, oggi e pè ssempe
In tutto 'o munno a ggente dice:

Virite lloco, virite bbuono
O ssapite quant' è bbella sta criatura?
Già ca ve fa nu surriso
Ll'anema ve porta 'nparaviso!
Innocente essa è, comme 'e stelle mattutine!
Onesta, e bbuona, e cu 'a capa tosta!

Battono 'e mmane tutte quante
Evviva, evviva... gridano alleramente
Nenna prezziosa, ca tutte vonno comme sposa
E ca trase sempe, int' 'o core da ggente!

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Salvatore Masullo il 30/12/2013 14:13
    Bella lirica in vernacolo scritto bene. Un bel quadretto molto musicale e scorrevole. Piaciuta!

1 commenti:

  • annaritaq. il 18/05/2012 16:34
    "Ariella" napulitana e capatosta?... Mamma r'o Carmene'!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0