PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il burchio

C'è un barcone adagiato
sul basso fondale
arenato nel canneto
riposa silenzioso
mentre il suo fasciame
che non galleggia più
ha imparato a riempirsi di vita
la stessa vita
che ha trasportato
senza conoscerne destinazione
ne senso
che per anni gli è passata accanto
indifferente del suo navigare
che ha sfiorato sulle sponde
sfregiandosi negli attracchi
quella vita su cui ha galleggiato
senza mai entrarci dentro
quella in cui oggi si immerge
assaporandone le fragranze
quella che lascia fluire in sè
divenendo tutt'uno con essa
per farne parte un giorno di più
ha racchiuso cielo, acqua e la terra
tra le sue braccia consunte,
dentro di lui ora
crescono verdi piante
a vestirlo di festa...
c'è un barcone adagiato nella vita
che si allieta nell'attesa
di eternità ...

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 31/05/2012 14:47
    Spesso si passa la vita senza rendersi conto dello scorrere del tempo, senza mai approcciarsi agli altri, facendo la propria vita senza avere la curiosità di mischiarla a quella degli altri, limitandosi solo a vederla passare davanti. Ma alla fine quando ci si ferma si è soli perché non si è stati capaci d'intessere rapporti, anche se si è belli dentro, pieni d'umanità, tutto ciò rimane sprecato dentro l'anima senza poterlo offrire agli altri. Una profonda lirica che è un'unica metafora che ne impreziosisce la trama, apprezzata!

2 commenti:

  • Ivana Zoia il 31/05/2012 17:39
    Gazie infinite Grazia
  • Anonimo il 25/05/2012 23:01
    mi ha emozionato questa tua... l'ho letta e riletta,è piena di sentimento, malinconia, la trovo davvero molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0