accedi   |   crea nuovo account

Third life

Solo ed immobile davanti allo schermo
riceve istruzioni da un’entità ignota:
“Tu sei il mio avatar, rimani ben fermo.”
comanda una voce metallica e vuota.

L’uomo ci prova a non arrendersi al fato,
e invano tenta con coraggio di alzarsi.
E mentre diventa vieppiù disperato
sente il suo corpo che va a rianimarsi.

Ma è solo una sua mera illusione
che gli fa sperare di non essere pazzo,
perché è il computer il suo nuovo padrone
e gioca con lui come fosse un pupazzo.

E quando entra nel suo appartamento
una bella ragazza, castana e ricciuta
si ritrova in piedi, con suo grande sgomento,
ad abbracciare quella sconosciuta.

E a questo punto, con negli occhi il terrore
Sentiron una voce, per loro un supplizio:
“Questo è Third life, per gli umani dolore,
siam tutti connessi, il nostro gioco abbia inizio.”

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0