PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il ghigno - terza ode surrealista-

Senza preavviso arriva rombante un ghigno lasciato dall'ultimo amante
che s 'era ripreso i fiori dal bosco, in alcova straziata da medusa incarnata
contro il muso di fante in un giorno nerastro acceso dal fuoco di un unico segno
divino ed indegno.
Io bevo il sugo di questo camino, caduta la stella assieme a Saturno
nel vero imbuto di universo sfregiato
di stelle balzane, sciocche pulzelle,
intrise di cardo, velato Scozzese,
avanti alle imprese che abbiamo tentato
e lanciato nei fossi come navi sconvolte al galoppo pei mari.

 

l'autore mariateresa morry ha riportato queste note sull'opera

Chi legge, pazienti un po' con l'Autrice. Assicuro che scrivo scevra da alcool o da psicofarmici et similia... eheheh


1
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/05/2012 09:34
    Immagini forti che si susseguono in automatico senza un apparente senso. Scritta molto bene ma non brilla per originalità.

8 commenti:

  • Anonimo il 21/05/2012 20:37
    Non parto mai in quarta, la vita è una maratona e non si parte mai troppo spediti o non si arriva alla fine. E non devi mica giustificarti per il tuo precedente commento.
  • mariateresa morry il 21/05/2012 15:28
    Scusa Nico, perchè parti in quarta? Sono qui da svariati mesi, chiunque mi ha letto ha detto la sua, per una critica di certo non mi risento. Io nel mio precedente post ti ho solo detto, pacatamente, che potevi provare anche tu, forse a te- sempre che ti interessi fare l'esperimento di scrittura automatica- può venire meglio.. tutto qua, mi spiace se hai equivocato...
  • Anonimo il 21/05/2012 14:17
    Esprimo un parere visto che la tua poesia mi ricorda molti esperimenti cinematografici, in particolar modo le sceneggiature dei corti di Lynch, surrealismo che mi affascina come ho già espresso. Se poi non sai accettare un punto di vista diverso dal tuo dovresti evitare di pubblicare poesie online.
  • mariateresa morry il 21/05/2012 12:42
    Beh caro Nico, di certo la surrealista non sono io, in questo campo è già stato detto tutto, si è trattato di un avanguardia, a suo tempo, ora non più. HO fatto solo un esperimento, magari se ci provi tu... ti riesce anche meglio, basta cimentarsi. Ciaooo
  • Anonimo il 20/05/2012 22:48
    Il miracolo della scrittura automatica Devo dire che questi tuoi versi, cara Teresa, insieme alle altre odi surrealiste che hai scritto, hanno la forza della fascinazione: è proprio vero, tutto sta nella potenza evocativa delle immagini Un bacio grande grande!
  • Teresa Tripodi il 20/05/2012 22:22
    ok... altrimenti davvero mi sarei seduta davanti ad una bottiglia di vino e l'avrei riletta un paio di volte
  • mariateresa morry il 20/05/2012 22:20
    Terry non c'è nulla da capire... c'est la force des immages!!
  • Teresa Tripodi il 20/05/2012 22:10
    Mariateresa questa mi piace davvero come suona ma credimi non l'ho capita... ma ok si legge in maniera davvero scorrevole e le immagini sono davvero chiare e visibili...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0