PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Crepuscolo

E infine il tramonto trovò un senso
a se stesso, che non si perdesse
nel buio che s'infilava tra una stella
e un'altra.
Infine, gli occhi cercarono
e gli occhi trovarono;
il cervello chiese
e il cuore rispose.
Dove prima v'erano ossa,
v'è adesso cenere che si attacca alle dita,
come un sogno che si attacca alla vita.
Fiori recisi lentamente sorgono
da i resti dello spirito
e sfidano il tempo.
Fiori recisi lentamente periscono
per l'assenza d'un bocciolo
in cui racchiudere lo spirito di un Mondo eterno.
E infine la Notte trovò un senso
a se stessa, che durasse anche dopo
l'ultimo bagliore dell'ultima stella
intrappolata dall'universo nella cintura d'Orione:

L'alba.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • stella luce il 22/05/2012 22:51
    Versi melodiosi e molto profondi... piaciuta
  • Anonimo il 22/05/2012 22:31
    Un crepuscolo così universale nel suo viaggio non può che approdare verso l'alba. ***** Franco
  • Rocco Michele LETTINI il 22/05/2012 21:35
    ELOQUENTE VERSEGGIO NEL CORREDO E NELLA MUSICALITA'...
    BRAVO RICCARDO
  • Anonimo il 22/05/2012 18:05
    Bellissima e piena di un essere e un divenire universali che la rendono profondamente eterna. Bravo! ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0