accedi   |   crea nuovo account

Vita tarocca

Notte di fine Maggio,
Maggio che sembra Novembre.

Notte pezzente.

Chiedere al vento
che spazzi le nubi,
che porti lontano il maltempo.
Nel cielo
le Stelle a brillare,
il cuore a sperare.

E volare,
con il pensiero,
come solo il pensiero sa.
Sfogliare ricordi,
kliccare sul punto di ripristino,
tornare a ieri,
come se oggi
dovesse ancora accadere.

Il virus dell'Io,
il malware dell'Ego,
gli spyware dei principi,
messi in quarantena
e poi disattivati.

Innamorati,
Io di Te, Tu di Me,
di un'amore profondo,
l'amore con la A
dal quale prendere e dare,
sentirsi felici ed appagati
nel dare.

Poi,
naufragare,
disarmati dagli eventi,
disarcionati dalla vita;
spenti
da principi inesistenti,
vomitati
a muso duro,
per ferire,
per far male.

Ordinare al cuore
di girare pagina,
taroccare la vita
con una nuova vita.

È finita?
No! No! No!
Ti amo,
mi ami, lo so.

La nuova compagna
è in toilette,
la sento;
notte pezzente.
Elemosina sesso,
surrogato d'amore,
per non morire,
anche fuori...

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • salvo ragonesi il 28/05/2012 14:50
    è tutta bella ma l'ultima parte (surrogato d'amore)è splendidaper la sua tragicità nel fallimento dell'amore ciao salvo
  • Anonimo il 22/05/2012 20:02
    Sono tante le vite taroccate. Ma non tutte. Comunque è un testo molto bello e anche molto attuale. ***** Franco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0