accedi   |   crea nuovo account

È con noi!

L'ho visto
tre giorni prima
che venisse chiamato tra i padri

L'ho visto
pronto e indifeso
lo sguardo riflesso nel vuoto

L'ho visto
il coraggio dell'uomo
che non nega sè stesso

L'ho visto
come gabbiano ferito
che sa dove andare

L'ho visto
quale agnello testardo
che vuole battersi coi lupi

L'ho visto
portava con sè
la sentenza già emessa

I sorrisetti beffardi
di chi osava cantare...
Cammina e non sa d'essere morto!

 

5
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Attanasio D'Agostino il 23/05/2012 22:11
    un tema pesante... descritto con poetica maestria
    "L'ho visto
    il coraggio dell'uomo
    che non nega sè stesso"
    riflessione condivisa un caro saluto Tanà.
  • Rocco Michele LETTINI il 23/05/2012 08:44
    L'ho visto... l'uomo ferito... l'uomo sanguinante... l'uomo chiamato... al Ciel...
    Eppure cammina... tra di noi...
    Un fantasma?... È il rimorso del nostro male... che lo lascia rivedere... e immutata sarà la sua sofferenza dentro di noi... e forse ci toccherà nel profondo...
    BRAVO FILIPPO... SPERO CHE SIA DI GRADIMENTO QUESTA MIA INTERPRETAZIONE... CIAOOO!!!

3 commenti:

  • senzamaninbicicletta il 26/05/2012 11:45
    un bel ritratto poetico fatto di immagini metaforiche molto interessanti. Una poesia molto bella
  • Anna Rossi il 23/05/2012 22:13
    molto bene! breve, essenziale! l'immagine di un eroe, agnello tra i lupi..
  • - Giama - il 23/05/2012 09:55
    Poesia che definirei a tratti forti, precisi, immagini in cui risalta sopratutto il contrasto tra i "colori" scelti per interpretare l'opera.
    bella!
    Complimenti filippo!
    ciao ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0