username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il buono ed il cattivo

coloro
che l'animo
han volto al male,
assurdi schiavi
d'una insensata cattiveria,

non si fanno alcun scrupolo
nel compiere azioni malvagie
a danno di altri.

Bieche le loro trame
come lo stratega
in guerra,
studiano l'attacco
per poi senza remore
inveire.

Privi di rimorso
e di perdono,
nel veder gli altri
soffrire godono.


Chi invece
il cuore ha buono
e nella sua anima
si riflette il bene,

sgombra la mente
dai malvagi pensieri
non pensa minimamente
di recar agli altri
danno ed offesa.

Subendo l'altrui cattiveria
spesso non reagisce
non per viltà,

ma per grande signorilità
d'animo
che lo pone
al di sopra di un gradino
all'uomo abbietto e meschino.

Se costretto a difendersi
per proteggersi
in giusta ribellione
verso chi l'opprime,

soffre nell'intimo
indicibili pene
per esser
trasceso in viltà.

Consigliato dalla sana
ragione del cuore,
per il nemico vinto
prova sempre pietà
non serbando verso costui
alcun rancore.

 

8
8 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 23/05/2012 10:14
    La distribuzione del bene e del male è oggetto, qui, di un'analisi attenta e convincente. La suddivisione tra buoni e cattivi è un tema da sempre esistito e negli egoismi umani purtroppo prevarica ciò che non vorremmo mai. Il testo si avvale di una verseggiare tra prosa e poesia ed ha le caratteristiche di un manifesto universale che segnala i rischi latenti dell'azione a contrasto del bene collettivo ma anche i rischi latenti sulla pelle di chi nemmeno si sforza nell'essere buono nella convivenza. Il richiamo alla sana ragione del cuore è emblematico per la ricerca di un percorso, certo non agevole nei tempi che viviamo, che conduca al più equilibrato divenire delle nostre esistenze. Apprezzato l'impegno dell'autrice nell'affrontare un tema che, per quanto antico, si ripropone con forza nel grigiore dei valori umani più essenziali.
    Grazie per lo spunto concesso a questa riflessione.
    Ciao
    Aurelio
  • Auro Lezzi il 23/05/2012 09:51
    Ci manca il brutto... ma hai fatto lo stesso un film altamente poetico.
  • Anonimo il 23/05/2012 09:39
    Io penso alle scelte di obbiettivi e come dice Loretta, ci sono persone dedite al male: in quella piccola percentuale di persone che vuole controllare il resto della popolazione rendendola infelice, malata, succube e controllata, il buono sia nascosto sotto una tonnellata di macerie. Concordo in pieno con questa poesia. Felice di averti letto
  • Grazia Denaro il 23/05/2012 09:24
    Purtroppo c'è chi per cattiveria insita nell'animo, gode nel far del male gratuito agli altri, mentre chi è remissivo e buono d'animo soffre se a volte deve difendersi perchè ciò non è nella sua natura... misteri dell'anima degli uomini, per fortuna che il carattere è soggettivo. Una bellalirica pregna di metafore, con versi ben stilati e scorrevoli, apprezzata!
  • Rocco Michele LETTINI il 23/05/2012 09:11
    Il bello e il brutto... il piacevole e lo spiacevole... il dolce e l'acerbo... poli del nostro vivere... che raffiorano ne l'attento lettore del Tuo eloquente verseggiato... forgiato dal Tuo acuto senno...
    BRAVA LORETTA... CIAOOO!!!
  • rossella loconte il 23/05/2012 09:01
    versi che mentre si leggono evidenziano una realtà mostruosa, un esercito di anime cattive che seppur inferiore numericamente con la loro ferocia riescono a colpire profondamente l'esercito di anime buone... ma i buoni.. non rimarranno buoni ancora per molto.. SPERO!!!
  • roberto caterina il 23/05/2012 08:52
    Sì, bella, ma come psicologo permettimi di dire che non esiste tutto il bene da una una parte e il male dall'altra.. Siamo tutti un po' buoni e un po' cattivi. Con proporzioni diverse, ne convengo... Ci sono poi dei simpatici cattivelli e degli insopportabili buoni.. Ciao.. Complimenti..

8 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 25/05/2012 13:25
    Subendo l'altrui cattiveria
    spesso non reagisce
    non per viltà,

    ma per grande signorilità
    d'animo...

    Bravissima L'Or... capiremo un giorno... il ruolo... che ognuno di noi ha avuto.. in questo mondo... bravo o cattivo bello o brutto... che sia...
  • Anonimo il 24/05/2012 08:30
    Ciao Margherita, grazie per aver letto FALSITA' poesia dal tema sempre attuale, così come lo è, la tua pubblicazione di oggi. Anche io condivido quanto hai scritto e, specialmente, i pensieri che mi hai espresso sotto FALSITA'. Ti auguro di trascorrere una serena giornata
  • Anonimo il 23/05/2012 17:54
    Amica mia, riguardo a certe cose che stiamo vivendo, non da adesso, debbo darti ragione.
    Tuttavia, credo che non ci sia, in assoluto, il tutto buono e il cattivo. In noi convive bontà e cattiveria; sta a noi ascoltare l'una o l'altra voce.
    Poi, in casi in cui l'uomo non viene più considerato un valore e viene privato della propria dignità, credo che sia anche giustificata la reazione di chi viene maltrattato.
    Complimenti Lor Margh Cita!
  • Gianni Spadavecchia il 23/05/2012 15:40
    Esperienza vissuta ciò che hai scritto della nobiltà d'animo! Bravissima.
  • Alessia Torres il 23/05/2012 15:20
    È proprio così! Hai fatto ottime considerazioni sull'argomento e convengo con te su ogni punto!!
    La malvagità di troppa gente oggi fa ancor più spiccare l'enorme virtù dei buoni d'animo, che subiranno maggiori pene e torti... certamente... ma vincono sempre per la rara nobiltà di cuore!
  • anna rita pincopallo il 23/05/2012 10:08
    bella e condivisa bravissima Loretta
  • - Giama - il 23/05/2012 09:36
    Analisi perfetta, della quale farne tesoro; la chiusa da incorniciare e leggere ogni mattina!

    bravissima Lor!
    abbraccio
    Ciao ciao
  • loretta margherita citarei il 23/05/2012 09:22
    dispiace contraddirti roberto, ma al mondo esistono persone dedite al male, che passano una vita intera a compierlo, io parlo anche di quei buoni, che privi di ogni ipocrisia, sono pacifici

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0